Please, I can’t breathe

di Thomas Pistoia Con questo ginocchio premuto sul collo, non riesco a respirare. E anche se grido, anche se supplico, il ginocchio resta lì a schiacciarmi il fiato, mentre il cuore mi rimbalza sull’asfalto. Eppure sono un afroamericano che vive e sbaglia nella nazione più potente del mondo. Ho anch’io le mani sporche di Vietnam, Afghanistan e Iraq e ho ancora negli occhi la nuvola di Ground zero. Nella patria dei supereroi e della Statua della Libertà, mi blocca al suolo la polizia di Trump. Io sono l’America e non…

Leggi tutto

Romina Ashrafi e le parole sbagliate

Lei è Romina Ashrafi, aveva 13 anni ed è stata decapitata dal padre perché in Iran esiste il delitto d’onore. Si, quello che in Italia è esistito fino al 1981 e che estingueva il reato se una ragazza, violentata, avesse poi sposato il violentatore. Quello che veniva definito “matrimonio riparatore”, serviva ad estinguere il reato dell’uomo, “riparando” il “danno”, la deflorazione, la perdita della verginità, cioè la rottura dell’imene, un pezzo di pelle collocato all’ingresso della vagina, considerato di proprietà della famiglia anzi, della società. Infatti, fino al 1996 (sic!)…

Leggi tutto

Musacchio: “Liberare i boss significa anche dimenticare le stragi di mafia”

All’indomani dell’anniversario della strage di Capaci, le riflessioni di Vincenzo Musacchio sulle numerose scarcerazioni dei boss della mafia con la “scusa” del coronavirus   di Lucia De Sanctis Vincenzo Musacchio, giurista e docente di diritto penale, associato della School of Public Affairs and Administration (SPAA) presso la Rutgers University di Newark (USA). Presidente dell’Osservatorio Antimafia del Molise e Direttore scientifico della Scuola di Legalità “don Peppe Diana” di Roma e del Molise, è stato allievo di Giuliano Vassalli e amico e collaboratore di Antonino Caponnetto.   Professore che ne pensa…

Leggi tutto

Innotipico, convegno on line a conclusione del progetto sull’innovazione dei prodotti tradizionali pugliesi

Sulla piattaforma Zoom, mercoledì 27 maggio 2020 dalle 16 alle 17,30 saranno illustrati i risultati della ricerca nata per promuovere l’applicazione di strategie biotecnologiche alle eccellenze della cucina regionale, dal pane alla focaccia, dalla burrata alla soppressa   BARI – Arriva a conclusione la ricerca “Innotipico, innovazione dei prodotti tradizionali della Puglia”: i risultati raggiunti con il progetto, finanziato dalla Regione e sostenuto anche dagli Atenei di Bari e Foggia, saranno illustrati nel convegno on line in programma mercoledì 27 maggio 2020, dalle 16 alle 17,30. Per partecipare all’evento è…

Leggi tutto

Nomine Rai, diffida delle consigliere di parità: “Violate tutte le norme”

Contestata la violazione di una serie di leggi, a partire dalla Costituzione fino al contratto di servizio della Rai e al Codice etico Le consigliere nazionali di parità Franca Cipriani e Serenella Molendini hanno impugnato, inviando formale diffida, tutte le nomine Rai, sia relative alle direzioni di rete, sia quelle delle testate giornalistiche. La diffida è stata inviata all’amministratore delegato della Rai, al presidente del consiglio di amministrazione e alla commissione parlamentare di vigilanza; per conoscenza è stata anche inviata alla ministra del lavoro, alla ministra per le pari opportunità…

Leggi tutto

Confessioni religiose. Parte 3.

chierichietti

Al sud la religione ha ancora un valore sociale e politico forte. Spesso questo genera mostri, come me. Vent’anni di tormenti religiosi raccontati apertamente. Un viaggio a puntate in una mente malata.   Parte 1. L’incongruenza finale. https://www.iltaccoditalia.info/2020/05/11/confessioni-religiose-parte-1/ Parte 2. Riflessioni sull’esclusività italiana. https://www.iltaccoditalia.info/2020/05/18/confessioni-religiose-parte-2/   Parte 3. The last chierichietto. Come tanti figli dei paesi del sud, andavo a messa con la nonna. Che spesso, nel pomeriggio, mi portava anche in una cappella vicino casa per recitare il rosario. Fino a 5-6 anni il tempo della messa era una tortura.…

Leggi tutto

#wetoo: Maria Grazia Chiuri e le altre

Maria Grazia Chiuri, direttrice creativa di Dior

di Marilù Mastrogiovanni Lei è Maria Grazia Chiuri, è la direttrice creativa di Dior. Un ruolo mai ricoperto da una donna, prima. Per arrivarci, ha faticato tutta la vita. Ha studiato, ha lavorato nelle più prestigiose case di moda, in ruoli mai ricoperti da una donna, prima. E’ originaria di Tricase, nel Salento. Ora è la presidente del “Gruppo strategico di Ripartenza in materia economica e sociale con il compito di elaborare e proporre misure necessarie per favorire la ripresa graduale nei diversi settori delle attività sociali, economiche e produttive…

Leggi tutto

Covid 19, l’ergastolano scarcerato torna in cella: per Barivelo revoca della detenzione domiciliare

Era nella sua abitazione dal 26 marzo. Il 23 maggio eseguito l’ordine di esecuzione di espiazione della pena: il tarantino è stato portato nel carcere di Lecce. E’ condannato al fine pena mai per l’omicidio dell’agente della penitenziaria Carmelo Magli, medaglia d’oro al merito civile. A Magli è anche intitolata la casa circondariale di Taranto Di Stefania De Cristofalo   In carcere. L’ergastolano Francesco Barivelo, riconosciuto in via definitiva colpevole di aver ucciso il poliziotto Carmelo Magli nel 1994, è tornato in cella il 23 maggio scorso, dopo quasi due…

Leggi tutto

Non chiamarmi “bambina mia”

di Thomas Pistoia Non chiamarmi “bambina mia”. Non ti permettere. Non sono né bambina, né tua. Faccio il mio lavoro con coscienza. Sono una tua collega. Spesso sono tua sottoposta, tua dipendente, spesso tu sei il mio capo ed è raro il contrario. E spesso questa gerarchia non rispecchia i meriti, né professionalmente, né economicamente. Più di una volta è accaduto che tu abbia raccolto i frutti del mio lavoro indebitamente, e a tutti è sembrato normale, nessuno si è scandalizzato. Usi il termine “bambina mia” nello stesso modo in…

Leggi tutto

Il Giudice Falcone e il senso del dovere in tempo di pandemia

di Maria Francesca Mariano* “La mafia sbanda/la mafia scolora/la mafia scommette/la mafia giura/ che l’esistenza non esiste/ che la cultura non c’è/ che l’uomo non è amico dell’uomo/ La mafia è il cavallo nero dell’Apocalisse/ che porta in sella un relitto mortale/ la mafia accusa i suoi morti/ La mafia li commemora/ con ciclopici funerali/ così è stato per te Giovanni/ trasportato a braccia da quelli/ che ti avevano ucciso”. scriveva la poetessa Alda Merini per l’omicidio del giudice Giovanni Falcone avvenuto a Capaci il 23 maggio 1992. Quando il…

Leggi tutto