Affaire DEA: anche Donato De Giorgi si appella a Emiliano

Raggiunto telefonicamente dal collega Gaetano Gorgoni, anche il presidente dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri della provincia di Lecce Donato De Giorgi, s’è appellato al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano affinché si adoperi con urgenza per risolvere il problema burocratico che sta rallentando l’apertura del Dipartimento per l’Emergenza e Accettazione, rimasto senza ossigeno.

Nella breve intervista telefonica, il presidente De Giorgi ha sostanzialmente confermato i contenuti dell’inchiesta del Tacco d’Italia firmata da Marilù Mastrogiovanni.

“È vero – ha dichiarato il dott. De Giorgi – che a causa di questioni burocratiche ancora non è pronto l’ossigeno per il Dea. Ci sono due ditte diverse: una ha fornito l’impianto e l’altra l’erogatore”.

“L’ossigeno – ha proseguito il presidente dell’Ordine dei Medici – è un discorso delicato: la burocrazia rallenta molto le cose. È necessaria una procedura d’urgenza. Lancio l’appello al presidente Michele Emiliano perché intervenga. Entro la fine di questa settimana partirà il DEA. Bisogna rispettare la contingenza al di là di qualsiasi considerazione”.

 

Per saperne di più:

15 Marzo 2020 – DEA Lecce senza ossigeno, la vergogna di Emiliano

15 Marzo 2020 – DEA di Lecce, un iter travagliato

16 Marzo 2020 – Ossigeno DEA: lavori in corso senza contratto (guarda le foto)

16 Marzo 2020 – Rollo scrive a Emiliano e conferma: lavori senza contratto

16 Marzo 2020 – M5S: il DG dell’Asl di Lecce Rodolfo Rollo faccia chiarezza

16 Marzo 2020 – Fratelli d’Italia: Emiliano faccia chiarezza sul DEA di Lecce

16 Marzo 2020 – TDM di Casarano: sul DEA di Lecce, carenze e fatti gravissimi

17 Marzo 2020 – DEA ossigeno, due serbatoi, lavori abusivi e nessun contratto

18 Marzo 2020 – FOTO, DEA ossigeno: proseguono i lavori senza autorizzazione

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!