DEA Lecce senza ossigeno, la vergogna di Emiliano

di Marilù Mastrogiovanni INCHIESTA – Coronavirus, era tutto pronto per aprire il polo delle emergenze a Lecce. Emiliano ha smantellato un pezzo del polo d’eccellenza destinato alla gestione delle emergenze. Reso inaccessibile. 40 posti per i malati di covid-19, pronti dal 21 dicembre, operativi dal 28 febbraio. Eppure siamo in tempo ad arginare il disastro. Presidente, blocchi lo smantellamento dell’infrastruttura che rifornisce di ossigeno il DEA.   Che cosa pensereste se ad un intero ospedale nuovo di zecca, fosse tolta l’aria? Già collaudato, dunque in regola e pronto per fronteggiare…

Leggi tutto

DEA di Lecce, un iter travagliato

DEA Lecce

Il Dipartimento di emergenza e accettazione (DEA) di Lecce nasce nel 2007 con la Delibera della Giunta Regionale n. 73 del 08/02/2007. A fine dicembre 2019 la struttura, costata 75milioni e 400mila euro, è finalmente pronta. Dopo più di un decennio di ritardi, appalti contestati, proroghe su proroghe, ben tre perizie di variante, battaglie giudiziarie, annunci di inaugurazione, sospensioni delle opere, cambi di progetto e di mission (propaggine dell’ospedale Vito Fazzi a struttura autonoma di Area Critica), problemi catastali (nessuno s’era accorto che una porzione di immobile ricadeva nel Comune…

Leggi tutto