Camera di Commercio di Lecce: Mazzotta scrive a Prete

di Roberta Mazzotta

Il Consiglio della Camera di Commercio di Lecce è in scadenza: dal 24 giugno 2020 si sarebbe dovuto insediare il nuovo Consiglio, dopo la procedura di rinnovo la cui tempistica è scandita da precise disposizioni di legge. Diciamo “si sarebbe dovuto” perché l’avviso per il rinnovo è stato pubblicato dal presidente Prete il 21 febbraio 2020, con un ritardo di 57 giorni rispetto alla data stabilita dalla norma (art. 2 c. 1 DM 156/2011: la scadenza del mandato attuale è il 23 giugno 2020, l’avviso per la ricostituzione del Consiglio avrebbe dovuto essere pubblicato 180 giorni prima, dunque il 26 dicembre 2019). Non conosciamo i motivi di tale ritardo, nulla è stato comunicato al riguardo né ai Consiglieri camerali né alle Associazioni datoriali del territorio impegnate nella procedura. Riteniamo in ogni caso che, nell’attuale situazione di difficoltà per le ben note vicende del contagio da coronavirus ed i conseguenti provvedimenti del Governo, per le stesse Associazioni esista una obiettiva difficoltà ad esperire anche le “normali” attività di rinnovo del Consiglio della camera di commercio di Lecce. Per questa ragione chiediamo un rinvio della procedura di ricostituzione del Consiglio camerale.

In allegato il Decreto del 4 agosto 2011.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment