“Noi siamo lo Stato”, così la Scu progettava un nuovo “regime”

110 indagati. Final blow, l’operazione della Dda di Lecce ha smantellato un clan sovraordinato agli altri che voleva imporre un “nuovo Statuto”: un “regime” ispirato a Fidel Castro, che ostentava lusso. Tanti regali dai cittadini: per esprimere “rispetto” anche vassoi di carne. Le rivelazioni del collaboratore Tommaso Montedoro hanno dato il via alle intercettazioni che hanno consentito di ricostruire la mappa degli affari e del consenso sociale di un clan imprenditoriale che gestiva le affissioni elettorali – tra le altre, le affissioni di Paolo Perrone ed Erio Congedo – il parco comunale di Belloluogo, il servizio di guardianìa, estorsioni, spaccio, infiltrazioni in attività imprenditoriali. Ecco l’organigramma

di Stefania De Cristofaro

Uomo da rispettare dentro e fuori dal carcere, Cristian Pepe, 36 anni, di Lecce. A maggior ragione durante le festività, come quelle di Natale, quando in segno di devozione, il figlio di uno degli affiliati al gruppo, consegna alla mamma del “capo”, Rita Greco, 78 anni, un “vassoio di carne del valore di cento euro”.

“Un vassoio così grande”, portato a casa e messo sotto l’albero di Natale come cadeau, assieme a decine e decine di cestini. “Una cosa spettacolare proprio, mai visto un albero così, pieno pieno zeppo di regali”. E poi, in occasione della festa dell’8 marzo, un mazzo di fiori, sempre alla mamma del capo. Per rispetto, anche questa volta. Anche perché il clan Pepe era un sodalizio capace di “sostituirsi allo Stato”, secondo gli affiliati. Un altro stato, se non un “regime” come quello di “Fidel Castro” come sostenevano parlando fra loro o un impero con “enormi disponibilità economiche” da ostentare. Dal maglione pagato 900 euro, al giro in limousine riservato ai più piccoli della famiglia, sino al versamento di centomila euro in favore di un nucleo familiare.

Il blitz Final blow

A Cristian Pepe l’ultima ordinanza di custodia cautelare ottenuta dai pm della Dda salentina è stata notificata nel carcere di Spoleto, mentre sua madre, è finita ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta chiamata Final blow che conta 110 indagati, tra i quali Antonio Pepe, alias “Totti” o “zio” o “mesciu Pietro”, 59 anni, di Lecce. “Totti”, destinatario di arresto in carcere, è il fratello maggiore di Cristian. Quest’ultimo ha sulle spalle una condanna all’ergastolo per l’omicidio di Antonio Fiorentino, avvenuto a Lecce il 6 marzo 2003. Ai domiciliari, la moglie di Totti Pepe, Anna Lo Deserto, 57 anni, limitatamente all’accusa di detenzione (in concorso anche con il marito) di mezzo chilo di eroina e 300 grammi di cocaina.

Le indagini condotte dagli agenti della Squadra Mobile hanno svelato i contatti e il business avviato tra le province di Lecce e Brindisi, a conferma dei legami imbastiti tra alcuni degli esponenti della Sacra Corona Unita, superando i confini geografici delle zone di appartenenza. La quarta mafia per nulla decapitata. Anzi. Sempre pronta a rigenerarsi come è emerso dopo la scoperta di un pizzino.

I pizzini: “Ho fatto tutta una cosa”

A intercettare la lettera, i carabinieri di Brindisi il 24 maggio 2016: avevano da tempo sotto controllo Giuseppe Perrone, alias Barabba e nel corso di una perquisizione, trovano lo scritto spedito dal carcere di Terni da Raffaele Martena che poco prima del Natale 2018 è finito al carcere duro (il 41 bis) perché considerato socialmente pericoloso e attivo nonostante fosse ristretto in cella.

“Noi dobbiamo essere noi, ho fatto tutta una cosa con Cristian Pene e Ivan Cavallo e Cristian mi ha chiesto di fargli sapere se Fabietto Pisano lavora con noi”, si legge nel pizzino. Il segnale di un avvicinamento di Martena al clan Pepe, al quale aveva fatto accenno Angelo Corrado l’11 gennaio 2016, sottolineando l’operatività del “gruppo mafioso di Cristian Pepe nei settori della droga e delle estorsioni”.

Mi sa che vi scordate dei lussi”

Ulteriore conferma, con la scoperta di un’altra missiva inviata dallo stesso Cristian Pepe, in quel periodo detenuto ad Asti, così come ricostruito dalla Mobile di Lecce, e venuta a galla nel corso di una perquisizione in un’abitazione di un ragazzo “ritenuto vicino a Gianluca Negro, detto Puntina”. “Apparentemente – scrive il gip nell’ordinanza – era diretta alla zia di Surbo”. In realtà si parla di Gegè Primiceri, condannato per “essere il rappresentante del clan facente capo al defunto Salvatore Caramuscio su Trepuzzi e paesi vicini”. In questa lettera “Cristian Pepe sottolineava il suo ruolo di capoclan”: “Mi sa che a volte vi scordate come siete arrivati ad avere ‘sti lussi”. E poi: “Ne parliamo ma non le fare de capu toa ste cose, sai?”.

Il nuovo statuto della Scu: l’intesa tra il leccese Pepe e il brindisino Martena

Nel frattempo, il 4 ottobre 2017 torna in libertà il fratello di Cristian Pepe, Antonio, per tutti noto come “Totti” e le indagini della Mobile di Brindisi accertano il suo coinvolgimento nel traffico di droga, assieme al nipote Stefano Monaco, altro componente del gruppo, già condannato nell’operazione Eclissi. Da uomo libero, il maggiore dei fratelli Pepe, incontra emissari di Raffaele Martena. Di questi appuntamenti che dovevano restare segreti, ha poi svelato il contenuto il collaboratore Tommaso Montedoro, interrogato dai pm della Dda il 5 settembre 2018: l’obiettivo era “il nuovo statuto della Scu”, vale a dire un gruppo nuovo appunto, al quale “aderivano – tra gli altri – Cristian Pepe e Pasquale Briganti”. Da qui l’avvio delle intercettazioni, ambientali e telefoniche, dalle quali sono emersi “nuovi rapporti tra il clan Pepe e quello brindisino e con il clan Dell’Anna operante su Galatone”. Allo stesso modo, si è scoperto della scissione dal clan Dell’Anna, di Giuseppe Marzano e dell’attività di narcotraffico gestita dal gruppo Pepe e da Penza.

Per il gip, così come per il pm, “l’autenticità delle numerosissime intercettazioni, ampiamente riscontrate dai servizi di osservazione e dalle immagini riprese dalle videocamere installate presso alcuni obiettivi ritenuti basi strategiche”, hanno portato ad affermare che “il sodalizio di stampo mafioso facente capo a Cristian Pepe è tutt’oggi influente”.

L’organigramma del clan Pepe

Nella ricostruzione dell’accusa, a Lecce, assieme a Cristian e a Totti Pepe “operano Stefano Monaco, Manuel Gigante, Andrea Cafiero, Gianluca Palazzo alias Furcina, Luigi Buscicchio, detto zio Gino, e Cristian Calosso, alias Gufo. Nella frazione di Giorgilorio, il controllo è di “Valentino Nobile, detto Balengu; nel comune di Squinzano, il referente è Vincenzo Stippelli, alias Stoppani, impegnato a ostacolare la supremazia degli appartenenti al gruppo criminale capeggiato da Luigi Vergine, condannato all’ergastolo.

A Campi Salentina e Salice Salentino, referente risultava Giovanbattista Nobile, detto Gianni, sino al suo arresto. Nobile viene sostituito da Massimo Scalinci, a partire dal 2 luglio 2018, per volontà di Cristian Pepe. A Melendugno, con le marine di Torre dell’Orso e San Foca, e Vernole, operativo è il gruppo facente capo ad Antonio Marco Penza che si avvaleva della collaborazione di Antonio Leto. Nella zona di Cavallino, con la frazione di Castromediano, il punto di riferimento risponde al nome di Luigi Lazzari, stando a quando si legge nel provvedimento di arresto. Infine, nei comuni di Surbo e Trepuzzi, figura di primo piano è Gianluca Negro, vicino al gruppo dei monteronesi e in particolare a Saulle Politi, coadiuvato da Riccardo Cozzella.

Le intercettazioni: “Noi siamo lo Stato”, il “Regime di Fidel Castro”

Il gip definisce emblematiche alcune intercettazioni, riportandole a stralci, rispetto alla presenza sul territorio del clan Pepe. Tra queste, c’è il dialogo fra Stefano Monaco e Andrea Pepe, la mattina del 2 luglio 2018, quando i carabinieri del Ros di Lecce portano a termine il blitz Labirinto. “L’importante è che non c’è niente di qua”, dice Pepe. E l’altro: “Di noi no, Tornese di nuovo è capitato”. Ancor più significativa è la conversazione tra Antonio Marco Penza e Antonio Leto, perché considerata un pesante indizio del “delirio di onnipotenza. Il primo dice: “Il regime, lo stato, il regime … Fidel Castro”. L’interlocutore aggiunge: “Speriamo solamente che ci lasciano in pace.

Negli ultimi quattro anni, il gruppo Pepe era diventato egemone, con riconoscimento del monopolio anche da parte di gruppi criminali operanti nelle province limitrofe: “Il ruolo di vertice era di Cristian Pepe, il potere decisionale di Totti Pepe e Antonio Marco Penza”. Il clan aveva il “monopolio delle attività illecite sul territorio di Lecce”. Ne erano a conoscenza anche i brindisini “amici di Andrea Romano”, gruppo ritenuto di stampo mafioso, con a capo anche Alessandro Coffa, nell’inchiesta Synedrium sfociata nel blitz lo scorso 15 febbraio.

Dai biglietti per le giostre, agli ingressi in discoteca

C’era chi, in segno di riconoscenza e riverenza, consegnava biglietti ricevuti dai giostrai in occasione dei festeggiamenti della Madonna di Loreto che si tengono a Surbo, il giorno successivo alla Pasquetta. E c’era chi pretendeva ingressi gratis in discoteca: “Una decina per una serata”, dice il 2 dicembre 2017 Manuel Gigante e Gianluca Palazzo riferendo il contenuto della richiesta al gestore di un locale di Maglie. “Non è che dobbiamo pagare, è una ricorrenza ed è giusto che ci diano gli auguri tutti quanti”.

Estorsioni a B&B in cui si svolgeva la prostituzione: non “pizzo” ma “punto”

Il business attribuito al clan era variegato, non essendo limitato alla droga. Estorsioni anche ad alcuni gestori di B&B, al cui interno alloggiavano donne che si prostituivano: il “punto” per consentire la prosecuzione dell’attività di meretricio andava versato ogni mese.

La gestione del parco Belloluogo

Le indagini hanno anche dimostrato l’interesse del clan Pepe e in particolare di Totti Pepe, Stefano Monaco, Valentino Nobile e Andrea Pepe, con il contributo di Maurizio Greco, alla conduzione del parco Belloluogo di Lecce e alle attività di guardiania e parcheggio connesse agli eventi musicali, la cui amministrazione era riconducibile ad alcuni familiari di Totti Pepe. I parenti, infatti, comparivano nella compagine sociale sia della Parco Belloluogo Scrl che nell’associazione temporanea d’impresa che il 16 dicembre 2016 si era aggiudicata la gestione delle manifestazioni. “Andrea Pepe dal 27 agosto 2018 diventa consigliere della stessa società e di fatto gestiva gli eventi di intrattenimento”.

Le attività di guardiania

Altro settore di interesse, quello della gestione dei servizi di guardiana nella zona di Lecce. Settore nel quale poteva essere ammesso uno sconfinamento con esponenti della frangia di Squinzano. Come era avvenuto il 17 luglio 2018 quando Totti Pepe lamenta una invasione di due addetti di un’agenzia di security di Squinzano che si muovevano a nome di Luigi Vergine. Pepe si dichiara persino pronto a spezzargli le gambe: “Che stanno facendo a Lecce, non si permettano proprio che gli spezzo le gambe”.

L’affissione dei manifesti elettorali per le politiche del 2018

Non solo. Le intercettazioni hanno anche dimostrato, come era già avvenuto nell’inchiesta Eclissi, l’attività posta in essere nel settore delle affissioni dei manifesti elettorali, con conseguente pubblicità tramite le “vele”, in occasione delle politiche del marzo 2018. La gestione era di Manuel Gigante per conto del clan Pepe e da Antonio Rotondo e Francesco Portulano per conto del clan Briganti. Quanto ai manifesti dei candidati applicati su camion portati in giro per le strade, Gigante e Rotondo concordano un costo di 140-150 euro, a fronte di una vendita a 180 euro, in modo tale da ricavare fra 30 e 40 euro a vela. Due sono i nomi di candidati alle politiche riportati nell’ordinanza firmata dal gip, rimasti in chiaro e quindi leggibili: Paolo Perrone ed Erio Congedo. Perrone alle politiche del 2018 era candidato per Fratelli d’Italia, al Senato, Saverio Congedo candidato alla Camera con la coalizione del centro destra: Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega e Noi con l’Italia. Nessuno dei due fu eletto.

Il controllo sugli ambulanti

Nel periodo delle indagini è stato documentato il controllo delle attività connesse al commercio ambulante in varie zone di Lecce, da parte di Manuel Gigante e Andrea Cafiero: venivano stabilite le postazioni, imposto il punto dovuto dai commercianti e gestite, anche sotto falso nome, le licenze degli ambulanti. Anche quelle per la vendita dei coriandoli.

La contiguità del clan con alcuni imprenditori

Sono emersi, inoltre, rapporti di contiguità con l’imprenditore Ruggero Perrotta, finito in carcere, amministratore dell’omonima società che si occupa di consulenza gestionale, aziendale e finanziaria alle imprese. E’ lo stesso professionista a “riconoscere la supremazia del clan Pepe su Lecce” e a manifestare a Stefano Monaco, in maniera esplicita, la “volontà di far parte del loro sodalizio, di avere l’appoggio dei capi e la disponibilità a pagare soltanto a loro e di avviare traffici di droga con un calabrese e un foggiano operativi in Brianza. Guardando al futuro, l’imprenditore pensava anche oltre:

“Andiamo e ci prendiamo le cose, i cantieri, gli appalti, le strade, perché là se fai bah!! si spaventano”.

A conferma della contiguità con il clan Pepe, Perrotta assumeva dal dicembre 2017 Maurizio Greco alle dipendenze della sua impresa. Greco all’epoca era sottoposto alla misura dell’affidamento in prova.

Contiguità anche con l’imprenditore Antonio Riezzo, rimasto a piede libero: “Il 25 maggio 2018, Riezzo, Antonio Leto e Salvatore Bruno parlavano di armi e il primo che aveva la disponibilità di una 45 e una 9, proponeva di andare a sparare al poligono”. Armi detenute legalmente da Riezzo il quale, “attraverso l’assunzione di Salvatore Bruno aveva conseguito il vantaggio della protezione sui cantieri”.

Il regalo di un imprenditore a titolo di riconoscenza

C’è stato anche un imprenditore del Brindisino che, stando alle indagini, ha versato cinquemila euro a Totti Pepe, somma poi destinata al pagamento delle spese legali. L’importo era stato versato a “titolo di gratitudine” per l’intervento di Pepe, a fronte della richiesta di pizzo per 50mila euro, poi ritirata. L’episodio è stato riportato nell’ordinanza di arresto per evidenziare che il clan Pepe, “come tutti i sodalizi mafiosi vanta esperienze di acquisizione del consenso sociale connesse alla condizioni di assoggettamento e al riconoscimento della sua forza di intimidazione da parte della cittadinanza”.

Le affiliazioni e rialzi presso la fiera di Santa Lucia: santini e spilli

La gestione delle attività passava attraverso una rigorosa divisione dei compiti tra gli affiliati. Il rito delle affiliazioni e quello delle elevazioni di grado, i cosiddetti rialzi, non sono mai tramontati. “Li facciamo tutti insieme, senza fare 60 persone uno un giorno, uno un altro”, dice Manuel Gigante il 21 marzo 2018 parlando con Gianluca Palazzo della “cerimonia programmata per il sabato seguente, con Andrea Cafiero”.

E’ lo stesso Gigante a comprare una “scatola di Santini”, come prevede il rito che impone il ricorso a “due spilli”. La cerimonia non viene registrata perché prima di raggiungere il luogo stabilito, Gigante invita gli altri a “depositare i cellulari presso lo stand da lui allestito per la Fiera di Santa Lucia”, c’è però la conferma della “sacralità dell’affiliazione e del giuramento connesso”, stando alla conversazione intercettata il 13 giugno 2018 tra Stefano Monaco, Totti Pepe e Valentino Nobile. Quest’ultimo dice: “Se tu sai in mezzo alla squadra nostra, tu quando fai il giuramento disconosci tutta la famiglia.. non dico che spari tua moglie e il figlio, ma il resto sì”. E poi aggiunge: “Io per uno schiaffo vicino all’orecchio, ho sparato”.

Il giuramento, quindi, comportava un impegno di fedeltà assoluta al sodalizio, determinando un legame che prevaleva su quello della famiglia d’origine. Erano fratelli, non di sangue, ma per scelta. E lo giuravano sul loro stesso sangue.

Le disponibilità economiche

I colloqui nel carcere di Lecce, dove era ristretto Marco Pepe, figlio di Totti Pepe, hanno permesso di ricostruire “le enormi disponibilità economiche del capo famiglia una volta tornato in libertà, il 4 ottobre 2017, con provvedimento della Corte d’Appello di Lecce. “Aveva comprato uno scooter nuovo, Un T Max a ….e aveva dato centomila euro alla convivente di …, figlia di… e fratello di…”. Lo stesso Totti Pepe “si vantava con il figlio Marco di indossare un maglione del valore di 900 euro e un pantalone pure molto costoso” e il 5 febbraio dell’anno successivo informava il figlio della “Limousine noleggiata per un nipote e i suoi amici”. Ogni settimana, alle donne della sua famiglia “dava più di 600 euro, a cui si aggiungevano i capricci” di un ragazzino che “pretendeva un paio di scarpe al giorno”. Regali anche a “sodali e familiari, compresi bambini”. Tanti, al punto che la moglie di Totti Pepe, Anna Lo Deserto si meravigliava del numero dei cestini natalizi, piante comprese, che stavano ricevendo anche dai paesi. In segno di rispetto.

TUTTI I NOMI

In carcere

Ordinanza di custodia cautelare in carcere oltre che per Cristian Pepe, 36 anni di Lecce, per i seguenti indagati: Luigi Vergine, 46, di Campi Salentina; Pasquale Briganti, detto Maurizio, 51, di Lecce; Angelo Brai, 47 anni, di Merine di Lizzanello; Salvatore Bruno, 54 anni, di Lizzanello; Debora Buscicchio, 30 anni, di Lecce; Luigi Buscicchio, 63 anni, di Lecce; Andrea Cafiero, 29 anni, di Lecce; Dario Calogiuri, 40 anni, di Lecce; Cristian Calosso, 34 anni, di Lecce; Stefano Castrignanò, 33 anni, di Lecce; Riccardo Cozzella, 33 anni, di Trepuzzi; Nicolas De Dominicis, 23 anni, di Vernole; Santo Gagliardi, detto “Santino”, 55 anni, di Lecce; Stefano Garrisi, alias “Pasulo”, 32 anni, di Caprarica di Lecce; Manuel Gigante, 39 anni, di Lecce; Leandro Greco, 41 anni, di Lecce; Paolo Guadadiello, 33 anni, di Squinzano; Stefano Guadadiello, 36 anni, di Squinzano; Fabio Lanzillotto, 36 anni, di Galatone; Luigi Lazzari, 45 anni, di Cavallino; Francesco Leo, 35 anni, di Caprarica di Lecce; Antonio Leto, 30 anni, di Caprarica; Raffaela Lodeserto, 54 anni, di Leverano; Vito Manzari, 61 anni, di Lecce; Giuseppe Marzano, 54 anni, di Galatone; Graziano Mazzarelli, 29 anni, di Lecce; Luciano Mazzei, 32 anni, di Calimera; Astrit Mehmeti, 56 anni, di Lizzanello.

In carcere anche: Mario Miccoli, 50 anni, di Lecce; Stefano Monaco, 30 anni, di Lecce; Sebastiano Montefusco, 47 anni, di Galatone; Gianluca Negro, 35 anni, di Surbo; Giovanbattista Nobile, 35 anni, di Lecce; Valentino Nobile, 30 anni, di Surbo; Gianluca Palazzo, 45 anni, di Lecce; Francesco Panese, 25 anni, di Calimera; Antonio Marco Penza, 37 anni, di Lecce; Vito Penza, 34 anni, di Lecce; Andrea Pepe, 64 anni, di Lecce; Fabio Pepe, 47 anni, di Lecce; Ruggero Perrotta, 45 anni, di Melendugno; Giovanni Persano, 39 anni, di Lecce; Paolo Pici, 51 anni, di Lecce; Shkelzen Pronjaj, 35 anni, albanese, residente a Lizzanello; Gabriele Russo, 28 anni, di Galatone; Guerino Russo, 49 anni, di Galatone; Cristian Salierno, 37 anni, di Lecce; Giuseppe Sammito, 41 anni, di Otranto; Andrea Saponaro, 29 anni, di Lecce; Vincenzo Stippelli, 42 anni, di Squinzano.

Arresti domiciliari e obbligo di dimora

Agli arresti domiciliari sono finiti: Alvaro Basi, 28 anni, di Lecce; Riccardo Buscicchio, 49 anni, di Lecce; Cengs De Paola, detto “Gengi”, 45 anni, di Acquarica Del Capo; Rita Greco, 78 anni, di Lecce; Gennaro Hajdari, detto “Toni”, 37 anni, residente al campo Panareo di Lecce; Vincenzo Luigi Lanzillotto, 40 anni, di Galatone; Antonio Leo, 33 anni, di Caprarica; Anna Lo Deserto, 57 anni, di Lecce; Michele Lodeserto, 51 anni, di Lecce; Mattia Marzano, 29 anni, di Galatone; Vincenzo Modesto, 30 anni, di Squinzano; Daniele Monaco, 34 anni, di Lecce; Roberto Patera, 42 anni, di Galatone; Samuele Prete, 25 anni, di Galatone; Salvatore Stefanizzi, 31 anni, di Squinzano; Luca Vantaggiato, 35 anni, di Lizzanello; e Susanna Vonghia, 54 anni, di Galatone.

Il gip ha disposto l’obbligo di dimora per Marco Balloi, 40 anni, di Surbo, e per Francesco Portulano, 61 anni, di Lecce.

Indagati rimasti in libertà

Sono indagati a piede libero: Daniele Balloi, 38enne di Melendugno; Marco Bruno, 31enne di San Cesario; Salvatore Cicoria, 51enne di Carovigno; Marcello Dell’Anna, 53 anni, di Nardò; Giuseppe Durante, inteso “Pippi”, 61enne di Nardò nato in Belgio; Alessio Fortunato, 37enne di Squinzano; Leandro Greco, 41enne di Lecce; Luca Greco, 48enne di Trepuzzi; Maurizio Greco, inteso “belva”, 54enne di Lecce; Gianni Lementini, inteso “mesciu”, 38enne di Torchiarolo; Pantaleo Leto, 61enne di Caprarica di Lecce; Maria Lo Deserto, 59enne di Lecce; Luca Longo, 46enne di Lecce; Massimiliano Margiotta Casaluci, detto “Spisiano”, 39enne di Galatone; Stefano Martina, 30enne di Galatina; Antimo Marzano, 36enne di Galatone; Giuseppe Marzano, detto “palestrato”, 54enne di Galatone; Antonio Patera, inteso “Gregorio”, 43enne di Galatone; Marco Pepe, 35enne di Lecce; Addolorata Perrone, 60enne di Caprarica di Lecce; Oronzo Persano, 62enne di Lecce; Nadia Pispero, 50enne di Taurisano; Saulle Politi, 48enne di Monteroni di Lecce; Emanuele Portulano, 21enne leccese; Marco Ramundo, 31enne di Leverano; Paolo Ramundo, 35enne di Lecce; Antonio Riezzo, 51enne di Lecce; Fulvio Rizzo, 54enne di Merine; Luigi Santoro; 50enne di Melendugno; Pasquale Salierno, 51enne di Lecce; Massimo Scalinci, 45enne di Campi Salentina; Romina Siciliano, 48enne di Galatone; Marilena Stifanelli, intesa “Meri”, 43enne di Galatone; Alessandro Surrente, inteso “Sandrino o Sandro”, 22enne di Lecce; Franco Tamborino Frisari, 40enne di Maglie; Cristian Urso, 44enne di Lizzanello; Emiliano Vergine, 44enne di Trepuzzi; Marco Vonghia, detto “Tyson”, 42enne di Galatone.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment