“No” a Ecolio 2: la “musica” di chi ci mette la faccia

di Thomas Pistoia

Ci vedete? Siamo qui. Stiamo per partire.
No, non è un viaggio di piacere. Ognuno di noi porta con sé ricordi terribili, che odorano di disinfettante, quello degli ospedali, e raccontano di giornate silenziose passate al capezzale, a guardare gocce che infrangono liquidi di flebo, in silenzio. I nostri ricordi terminano tutti con un addio, inevitabile e cattivo, dato mano nella mano, mentre una voce grida disperata il nome di un amore, sia esso di moglie, di marito, di madre, padre, fratello, sorella. Di amico.
Ci vedete? Siamo qui. Siamo salentini, come voi. Come voi abbiamo la fortuna di essere nati e di poter vivere in questa terra meravigliosa. Ma, come voi, nelle nostre case, abbiamo una sedia vuota. E quando la famiglia si riunisce, a pranzo, a cena, durante le feste, quella sedia la fissiamo increduli, sembra un buco. Una voragine di assenza.
Ce l’avete tutti una sedia così. O un letto, o un qualsiasi altro posto nel quale un tempo ci stava una persona che amavate.
Per questo potete comprendere quello che facciamo, per questo dovete venire con noi. Non lasciateci soli, perché se non ci accompagnate, la solitudine sarà anche vostra. L’avida mafiosità che sta uccidendo il Salento, con la vostra indifferenza diventerà più forte. E senza il vostro “NO”, i vostri cari saranno morti due volte, e invano.
Venite con noi e con Edoardo Winspeare, Nick Gray, Maggie Armstrong e urlatelo forte: NO a Ecolio2, NO ai veleni.
Sentite come suona?
NO. NO.
Sembra musica, musica pulita. Cantiamola insieme.
NO, NO, NO, NO.
NO.

N.B.: il video è stato realizzato da Luca Melcarne, regista di Salve, con la partecipazione di tante cittadine e cittadini di Presicce, Salve, Acquarica, Morciano e con la partecipazione del regista Edoardo Winspeare

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Thomas Pistoia

Nato a Torino nel 1971, ha vissuto la sua giovinezza in quel di Presicce. Scrittore, sceneggiatore e poeta, ha pubblicato racconti, poesie e canzoni. Per Ofelia Editrice ha pubblicato il romanzo "La leggenda del Burqa". Per la Sergio Bonelli Editore ha scritto storie per Nathan Never e Zagor. Ha collaborato con Astorina per alcune storie di Diabolik.

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!