Aggressione a Maria Grazia Mazzola: dieci richieste di costituzione di parte civile

Udienza rinviata il 20 febbraio per la valutazione delle parti civili tra cui Comune di Bari, Fnsi, Libera e Stampa romana
foto: Il Tacco d’Italia

di Marilù Mastrogiovanni

Tanti i rappresentanti di associazioni, enti pubblici, sindacati e chiese di varie confessioni religiose presenti stamane dinanzi al Tribunale di Bari, per il sit-in di solidarietà a Maria Grazia Mazzola, inviata speciale del Tg1 aggredita e minacciata di morte dalla boss Monica Laera il 9 febbraio 2018.
Il presidio è diventato un momento di riflessione collettiva sul futuro della città e sull’impegno dei cittadini nel contrasto alla presenza mafiosa, sempre più pervasiva.
La presenza di Radio Radicale davanti al Tribunale di Bari ha dato il “la” al confronto tra i presenti. In mano, la Costituzione italiana, per ribadire l’urgenza di una Puglia libera dalle mafie e la necessità di un’informazione onesta al servizio dei cittadini.

Lo Speciale realizzato da Marilù Mastrogiovanni per Radio Radicale.

“Questo di oggi è un momento importante di giustizia – ha affermato Mazzola – perché l’aggressione fisica di Laera aveva un obiettivo: impedire che io svolgessi un’inchiesta giornalistica sul territorio, proprio sui giovanissimi reclutati dalle mafie. Non è stata una bega di quartiere è stata un’azione nell’ esercizio del controllo del territorio di un clan rappresentato da Monica Laera, condannata per associazione mafiosa. Il giudice deciderà su questa richiesta di rinvio a giudizio per lesioni con l’aggravante mafiosa, minacce di morte, registrate da due microcamere. Per fortuna c’erano le microcamere, perché Laera ha presentato ben tre querele nei miei confronti, con l’obiettivo di mistificare i fatti e raccontare falsità. Sono state archiviate”.

Per la prima volta FNSI ha chiesto di costituirsi parte civile in Puglia, seconda regione per minacce nei confronti dei giornalisti: “La costituzione della Fnsi in questo processo è una ulteriore dimostrazione della grande attenzione che il sindacato riserva a tutti i giornalisti vittime di minacce, aggressioni e non solo, allo scopo di supportare processualmente, oltre che umanamente, i giornalisti. È evidente che le ragioni della Federazione nazionale della Stampa italiana sono proprio quelle contenute nello statuto: garantire la difesa della libertà di manifestazione del pensiero e l’esercizio del diritto di cronaca, costituzionalmente garantiti”, hanno affermato Francesco Paolo e Roberto Eustachio Sisto che assistono il sindacato.
Prima volta in Puglia anche per il sindacato stampa romana: “Riteniamo che sia un dovere del sindacato essere accanto a Maria Grazia Mazzola per l’aggressione che ha subito. Non possiamo accettare che ci siano zone pubbliche di territori così importanti come Bari nei quali non si possono fare delle domande e quindi è fondamentale la nostra presenza”.

Hanno chiesto di costituirsi parte civile, oltre a Mazzola: Rai, Libera, Comune di Bari, FNSI, Stampa romana, Centro antiviolenza Renata Fonte, Centro antiviolenza Giraffa, UDI, Ordine nazionale dei giornalisti.
Erano presenti, tra gli altri: la vice-Presidente Nazionale avvocata Enza Rando, l’Unione Donne in Italia, i centri antiviolenza Renata Fonte e Giraffa, i Salesiani di Bari, le Sardine, l’associazione commercianti antiracket, le parrocchie, la CGIL, le chiese evangeliche.

Nello speciale di Radio Radicale le interviste a: Maria Grazia Mazzola (Giornalista Tg1), Lazzaro Pappagallo (segretario dell’Associazione Stampa Romana), Vito Mariella (CNCA sezione Puglia), Francesco Preite (Direttorio oratorio Salesiani parrocchia Redentore Bari), Angelo Cassano (Parroco parrocchia di San Sabino Bari), Dario Monaco (Pastore della chiesa Battisa di Mottola), Roberto Eustacchio Sisto (Avvocato Federazione Nazionale della Stampa), Maria Luisa Toto (Presidente Centro antiviolenza Renata Fonte), Ester Nemola (Avvocato centro Renata Fonte).

PER SAPERNE DI PIU’

Presidio di solidarietà per Maria Grazia Mazzola a Bari
Siamo tutte Maria Grazia
Le immagini dell’aggressione a Maria Grazia Mazzola
L’appello di Maria Grazia Mazzola alla città di Bari: “Ribellatevi al sonno della cultura mafiosa!”
Sacra corona di Puglia, unita grazie al silenzio generale
Le scuse a Maria Grazia Mazzola
Mazzola, giornalista TG1 aggredita a Bari: per la Procura è mafia
La “montagna di merda” è entrata in Chiesa
Il saluto di Maria Grazia Mazzola al Forum of Mediterranean Women Journalists 2018
Mazzola non diffamò Laera, archiviata la querela della boss del Libertà
Maria Grazia Mazzola: “A Bari ragazzini reclutati dai clan. Attenzione Stato, apri i tuoi occhi”

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Marilù Mastrogiovanni

Faccio la giornalista d'inchiesta investigativa e spero di non smettere mai. O di smettere in tempo http://www.marilumastrogiovanni.it/chi-sono-2/

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!