Ciao Luigi, cittadino attivo

E’ scomparso Luigi Russo, grande protagonista del mondo del volontariato salentino.

di Marilù Mastrogiovanni

Il mondo del volontariato, della solidarietà, dell’ambientalismo, dell’ecologia, della cittadinanza attiva piange la scomparsa prematura di Luigi Russo, sociologo e giornalista di Corsano.
Tra i fondatori del CSV Salento, presidente dell’associazione “Sos costa Salento”, con i suoi “Cantieri della sussidiarietà” ha animato le mobilitazioni dal basso sui temi della tutela dell’ambiente, del paesaggio, della salute.
In centinaia di incontri in tutte le piazze salentine, sulle frequenze di Mondo radio prima, e sul web poi, ha sensibilizzato l’opinione pubblica sulla soffocante presenza delle ecomafie nel Salento.
In prima linea contro l’allargamento della strada 275 e contro il gasdotto Tap, ha denunciato, sulla sua rubrica “Caffè al limone” e sulla “Web3 tv”, la web tv che ha fondato, il fenomeno dei rifiuti tombati nelle campagne e sotto le strade in costruzione.
Negli ultimi anni, e nonostante la malattia, ha dedicato gran parte del suo impegno di presidente del CSV Salento e di giornalista, al contrasto dell’ “affare xylella”.
Amico del Tacco d’Italia, ha affiancato e sostenuto le inchieste, riprendendole, amplificandole, proseguendole. All’indomani della nascita del CSV Salento ha collaborato con il Tacco, pubblicando i report, gli studi, le analisi prodotte con il Centro servizi volontariato Salento, importante punto di riferimento per la tenuta sociale di un pezzo di Italia altrimenti senza rete di salvataggio.
Negli ultimi cinque anni ha proposto, pubblicandola sui social, una quotidiana e indispensabile rassegna stampa e analisi su come i giornali salentini hanno trattato le notizie sull’ambiente, spesso smascherando l’ipocrisia e la malafede di un modo di fare informazione al servizio dei potenti e degli inserizionisti pubblicitari.
Che cosa è stato il CSV Salento per le tante associazioni che vi hanno aderito, che cosa ha rappresentato Luigi per i volontari e gli attivisti e che cosa ha rappresentato per il Tacco, può saperlo solo chi, oggi, piange la sua scomparsa.

Oggi siamo tutti più soli.
Oggi il Salento è più solo.

Però da domani è necessario riprendere l’impegno per la tutela dell’ambiente e del paesaggio, contro il consumo del suolo, contro l’affare xylella, contro le devastazioni ambientali, studiando, unendosi, senza rivalità tra i vari gruppi di attivisti, facendo rete, per un unico obiettivo: salvare questo pezzo di mondo se e finché siamo in tempo.

Info di servizio: i funerali si svolgeranno oggi, a Corsano, alle 15, partendo da via Friuli. Gli amici attivisti hanno lanciato l’idea di presentarsi con un ramoscello d’ulivo in mano, come simbolo dell’ultimo suo grande impegno contro l’inquinamento ambientale da pesticidi e contro l’affare xylella.

La redazione del Tacco d’Italia si unisce alla famiglia nel dolore.

Alcune delle importanti prese di posizione e della campagna di sensibilizzazione di Luigi Russo:

Russo su terzo settore: sussidiarietà per bene comune

CSV Salento: per il ciolo una decisione condivisa

Depuratore di Corsano: niente reflui in mare per l’estate

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Marilù Mastrogiovanni

Faccio la giornalista d'inchiesta investigativa e spero di non smettere mai. O di smettere in tempo http://www.marilumastrogiovanni.it/chi-sono-2/

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!