Casarano: la mafia che non si dice ma si fa

di Marilù Mastrogiovanni Il tentato omicidio a colpi di kalashnikov di Afendi, compagno della vedova del boss della scu Augustino Potenza traccia la pista dell’evoluzione del clan salentino     Casarano ripiomba nel terrore. In realtà dal terrore non ne è mai uscita. Un agguato mafioso ha quasi ucciso Antonio Afendi, ventottenne di origine marocchina residente a Casarano (Le). Colpito da un kalashnikov al collo e alla spalla, in via Alessandro Manzoni, non è in pericolo di vita. Ma volevano ucciderlo. La macchina usata per l’attentato è probabilmente quella trovata…

Leggi tutto

La mafia in libera uscita

Due diverse sentenze, della Cedu prima e della corte Costituzionale poi smontano l’ergastolo ostativo, quello che “fine pena mai”. D’ora in poi potranno avere permessi premio, anche se non collaborano con la giustizia, a condizione però che sia provato che abbiano tagliato i loro legami con i clan e purché partecipino ad un percorso rieducativo. La loro pericolosità non sarà più presunta dalla legge, ma dovrà essere verificata, caso per caso, dai magistrati di sorveglianza, come avviene per tutti gli altri detenuti. L’ergastolo “fine pena mai” finora ha impedito la…

Leggi tutto