Farmaci rubati, s’indaga sulle mafie italiane

Farmaci rubati//2. Continuano le indagini degli inquirenti dopo la pubblicazione dell’inchiesta giornalistica How safe are your medicines? di Channel 4 Dispatches sul traffico di medicinali in mano alla mafia italiana di Mario Maffei Fonte: https://www.channel4.com/press/news/how-safe-are-your-medicines-channel-4-dispatches Leggi QUI  la prima parte Le autorità mediche inglesi sono state costrette ad aprire un’indagine urgente dopo che la trasmissione Channel 4 Dispatches ha rivelato come migliaia di medicinali non sicuri siano stati somministrati a pazienti del Sistema Sanitario Nazionale (NHS) per cancro alla prostata, schizofrenia ed epilessia. In un’importante inchiesta, “Dispatches” ha denunciato l’infiltrazione,…

Leggi tutto

Archiviata querela Giunta di Casarano: fatti veri, diritto di critica salvo

Ho vinto di nuovo: contro le minacce e contro il maschilismo di Marilù Mastrogiovanni   Vi aggiorno sull’ultima vittoria. Mi hanno querelata i seguenti assessori del Comune di Casarano (Lecce): Pompilio De Nuzzo, Adamo Fracasso, Matilde Macchitella, Laura Parrotta, Marcello Torsello, con il sindaco Gianni Stefano (ex Forza Italia, ora fittiano). Il pm Milto De Nozza della Direzione distrettuale antimafia presso la Procura di Lecce ha chiesto l’archiviazione perché quanto ho scritto corrispondeva al vero. Benché la mia critica fosse “pungente”, ha scritto De Nozza, non scadeva in attacchi personali.…

Leggi tutto

Anas replica agli avvocati: “Nessun veicolo privilegiato”, ma l’avviso verrà modificato

Recapitata nelle ultime ore, la nota di risposta dell’ente accoglie la richiesta formale del Consiglio Nazionale forense L’essere “membro o presidente di Organismi forensi” non verrà considerato da Anas un titolo preferenziale: la società accoglie la richiesta, partita dalla segnalazione in seno all’Unione Nazionale Camere Civili da parte del suo vicepresidente, l’avvocato Roberto Fusco, di un’irregolarità all’interno dell’avviso con cui Anas promuove la creazione di un elenco di legali per i propri dipendenti e dirigenti. Alla rimostranza di Andrea Mascherin, presidente del Consiglio Nazionale Forense, che ha formalizzato il disappunto…

Leggi tutto

Bando tutela legale Anas, Roberto Fusco guida la presa di  posizione degli avvocati

Cariche elettive inserite come “requisiti preferenziali”: un favoritismo respinto al mittente da Unione Nazionale Camere Civili e Consiglio Nazionale Forense. L’avvocato brindisino, vicepresidente UNCC: “No ai privilegi: merito e competenza i criteri da far prevalere”   Mettere a disposizione dei propri dipendenti e dirigenti una squadra di avvocati, per far fronte ad eventuali procedimenti giudiziari: la decisione di Anas Spa, Ente nazionale per le strade, ha scatenato le proteste di avvocati e ordini professionali nazionali. A far discutere non è il provvedimento in sé, bensì uno dei criteri di selezione.…

Leggi tutto

Carceri: sovraffollate quelle pugliesi

In 42 istituti italiani lo scarto tra numero dei detenuti e posti letto regolari supera le 100 unità. A Lecce, l’eccesso riguarda 415 persone   Sempre acceso il dibattito sulle condizioni di detenzione nelle carceri italiane. Uno degli argomenti di confronto più critici riguarda il sovraffollamento, considerato una sorta di degradante “pena supplementare” che pesa sul già difficile percorso di condanna da scontare all’interno dei penitenziari. È civile un Paese non in grado di assicurare condizioni di vita umane e dignitose a chi si trova in carcere? Se la risposta…

Leggi tutto

Carabiniere ucciso: riaprire il dibattito sulla legalizzazione delle droghe

CARABINIERI

Nel caotico e scomposto dibattito politico attorno all’uccisione del vice brigadiere Mario Cerciello Rega manca (come al solito) l’analisi sul convitato di pietra della stragrande maggioranza dei delitti che si consumano in Italia e nel Mondo: la droga. All’origine dell’omicidio del carabiniere di Somma Vesuviana c’è la cocaina, ricercata dai due ragazzi americani nei vicoli di Roma (così come, ogni sera, da milioni di consumatori di tutte le età, sull’intero territorio nazionale). Un mercato illegale che, proprio per la sua illegalità, è estremamente pericoloso: per chi la compra, per chi…

Leggi tutto

Storia di Gino, cameriere salentino

Cresce il numero di salentini emigrati all’estero. I dati disponibili sono del 2016 e segnano un trend costante: sono soprattutto i giovani ad andare via; la fascia d’età più interessata al trasferimento in altre nazioni o in altre regioni è quella tra i 18 e i 39 anni. Secondo i dati Istat elaborati dal Sole 24 ore è proprio la provincia di Lecce a detenere in Puglia il triste primato dell’emigrazione giovanile. Un fenomeno che si traduce anche nell’abbandono delle campagne e dei centri storici dei paesini. La forza lavoro…

Leggi tutto

Il gioco dell’estate

“Noi teatranti siamo dei cuori semplici. Nonostante tutte le difficoltà, le amarezze e le disillusioni basta un niente a farci tornare a credere nel teatro, nella sua possibilità di nutrirci. Come un piccolo bonifico che arriva ormai inaspettato.” Massimiliano Civica, regista È arrivato il tempo del riposo. E che bello quando non è forzato, imposto dall’assenza di opportunità, ma meritato, guadagnato, giusta ricompensa di tutti gli sforzi fatti fino a quel momento.   Bello potersi dichiarare in ferie dopo mesi di intrecci di progetti, susseguirsi di lezioni, saggi, brevi presentazioni,…

Leggi tutto

Internet e giovanissimi: il 95% degli under 30 si informa sul web

Sempre più Internet nelle realtà quotidiane, dal sociale agli acquisti online, dalla posta alle bollette e ai conti correnti. Ma c’è anche un altro settore che se è già entrato da tempo nelle abitudini degli Italiani, ora sembra conquistare anche i cuori dei giovani: stiamo parlando del mondo dell’informazione, che tra notizie del giorno e informazioni di carattere sociale sembra interessare particolarmente ai nativi digitali. Andiamo ad approfondire il discorso vedendo alcuni dati e dei possibili rischi.   I dati sui giovani e l’informazione I giovani amano il web per…

Leggi tutto

Valle d’Itria: un sorriso lungo un secolo

La scuola napoletana e il suo ruolo nell’evoluzione della musica settecentesca fil rouge della 45^ edizione del Festival martinese, tra scenari sorprendenti e “Opere in Masseria”   di Fernando Greco (foto Lapolla)   Con il titolo “Albori e bagliori. Napoli e l’Europa: il secolo d’oro” il 45° Festival della Valle d’Itria ha inteso approfondire l’importanza della scuola napoletana nell’evoluzione della musica del Settecento, secolo in cui da Napoli partì la trionfale parabola dell’opera buffa e si posero le basi per i successivi sviluppi del melodramma. Premesso che nel Festival martinese…

Leggi tutto