#giovaninarratori, si chiude oggi il contest per raccontare l’integrazione in Italia

GCE Italia raccoglie sul suo sito web “Storie di (stra)ordinaria umanità” provenienti da tutto il Paese: oggi l’ultimo giorno per inviare foto e video, poi la selezione dei tre lavori più belli

C’è un’Italia che cresce grazie al dialogo, all’incontro tra culture. Un’Italia in cui non conta il certificato di cittadinanza, ma solo la volontà di rimboccarsi le maniche e fare rete.

GCE Italia vuole raccontare questi aspetti, troppo spesso affossati da dibattiti politicamente schierati che non servono a nulla: lo fa lanciando #giovaninarratori, il contest dedicato ad alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado, ad associazioni e gruppi giovanili di tutta Italia che vogliono far conoscere “storie di (stra)ordinaria umanità”.

C’è ancora una giornata per partecipare alla mobilitazione e al contest successivo, che premierà le 3 opere migliori: per farlo, si possono inviare racconti video (della durata massima di 2 minuti) o fotografici (al massimo 5 foto), che trasmettano esempi di scambio e crescita reciproca, coinvolgendo anche la propria comunità di riferimento.

Foto e video, accompagnati dalla scheda di presentazione e da un testo di 300 battute al massimo, potranno essere inviati all’indirizzo [email protected]entro la giornata di oggi, 22 marzo 2019.

Gli output verranno caricati sul sito di GCE Italia, in un’apposita sezione, ma la manifestazione sta animando anche i social network, attraverso l’hashtag #giovaninarratori.

“Nell’attuale dibattito politico e mediatico particolarmente acceso sul tema migratorio – ha dichiarato Emanuele Russo, coordinatore GCE Italia –, diamo ai giovani l’opportunità di offrire all’opinione pubblica una contro-narrazione che metta in luce la ricchezza che si cela dietro a società che sanno accogliere e aprirsi ad altre culture, riconoscendo le cause profonde che sono alla base dei flussi migratori, valorizzando la presenza dei migranti nel nostro Paese e rafforzando le azioni di cooperazione internazionale con le comunità di origine nei Paesi di provenienza”.

“#giovaninarratori – Storie di (stra)ordinaria umanità” è organizzato da Campagna Globale per l’Educazione – GCE Italia, una coalizione di associazioni e singoli attivisti intorno ad un singolo obiettivo, “Education for all”, “Educazione per tutti”; l’iniziativa, finanziata da Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), è promossa da: Oxfam Italia (coordinatore progetto); CIFA Onlus (coordinatore GCE); Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini; AOI – Associazione delle Organizzazioni Italiane di solidarietà e cooperazione internazionale; ARCS Arci Culture Solidali Altri Partner; Associazione di Tecnici per la Solidarietà e Cooperazione Internazionale – RE.TE.; ASSOCIAZIONE LEO ONLUS ONG; CBM ITALIA ONLUS; Children in Crisis; CISL Scuola; Centro di Volontariato Internazionale – CeVI; Centro per la Cooperazione Internazionale – CCI; Centro Sviluppo Terzo Mondo Onlus – Cesvitem; CISS – Cooperazione Internazionale Sud Sud; CReA onlus Centro Ricerche e Attività; Differenza Donna, Associazione di donne contro la violenza alle donne; Ente Nazionale dei Giuseppini del Murialdo (ENGIM); Equo Garantito – Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale; FELCOS Umbria – Fondo di Enti Locali per la Cooperazione decentrata e lo Sviluppo umano sostenibile; Fondazione Mondinsieme del Comune di Reggio Emilia; Forum Permanente per il Sostegno a Distanza Onlus – ForumSaD Onlus; Gruppo Missioni Africa – Onlus – GMA; Helpcode; Incontro fra i Popoli – IFP; International Research Centre on Global Citizenship Education (IRC-GloCEd) – Università di Bologna; Istituto Cooperazione Economica Internazionale (ICEI); Istituto Pace Sviluppo Innovazione ACLI – IPSIA; JANUAFORUM; Legambiente Onlus; Magis; Mani Tese; Movimento per l’Autosviluppo, l’Interscambio e la Solidarietà; Plan International Italia; Progetto Domani: Cultura e Solidarietà- PRO.DO.C.S.; Save the Children Italia; Servizio Civile Internazionale (SCI Italia); Sightsavers International Italia; V.I.M. Volontari Italiani per il Madagascar Onlus; VIS – Volontariato internazionale per lo sviluppo; WeWorld Onlus.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment