Italia sì, Italia no

Ciò che amo veramente degli italiani: sanno essere estremamente simpatici e amichevoli, sono degli ottimi ospiti, capaci di far sentire a proprio agio chiunque, hanno caldi sorrisi e grandi cuori, sanno bene cosa vuol dire cucinare e sono sempre pronti ad aggiungere un posto a tavola, sono molto creativi nell’arte della sopravvivenza, capaci di riconoscere la bellezza, abili nel mentire, invidiati da tutto il mondo per lo stile, hanno una storia ricca di cultura, film, quadri, libri, grandi opere, sanno essere romantici, io sono una di loro, sono ovunque.

Ciò che non amo degli italiani: litigano troppo, prendono tutto molto sul serio, non sono dotati di english humor, maltrattano le donne, discutono animatamente di qualsiasi problema ma raramente si attivano per risolverlo, sanno essere molto egoisti, sono geneticamente portati alla dipendenza: dalla mamma, dalle macchine, dal calcio, dagli artisti stranieri, dalle belle donne, dalle donne straniere (sopratutto se nordiche e bionde con gli occhi azzurri), sono spesso tra i turisti più fastidiosi e maleducati all’estero, hanno la cattiva abitudine di dormire al pomeriggio, il loro è un Paese totalmente inadatto ai bambini, alle donne, agli anziani, ai malati, sono capaci di grande inciviltà, non hanno fiducia nello stato, cercano sempre un modo per fare i furbi, non rispettano l’ambiente, si indignano se una madre osa lamentarsi dei propri figli ma trovano assolutamente normale un uomo che si lamenti in pubblico della propria compagna, non amano aspettare il loro turno, non amano la sicurezza in auto( sopratutto per quanto riguarda i bambini), non amano usare le frecce prima di girare, non sono molto tolleranti, sono tendenzialmente razzisti, vivono sotto l’assoluto potere del Vaticano subendo e senza mai lamentarsene, non si prendono cura della loro cultura, dai paesi esteri prendono solo ciò che c’è di peggio (esempio: abbiamo delle ottime scuole, dai cerchiamo di imitare quelle americane, facciamo solo test a risposta multipla, aboliamo la filosofia, la storia dell’arte, il latino, il greco…), sono troppo sentimentali,  io sono una di loro, sono ovunque.

Mi chiamo Barbara Toma, ho 45 anni e scrivo liste. Ecco, l’ho detto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Barbara Toma

Agitatrice, Animale da palco, Coreografa, drammaturga e mamma single salentina-olandese. In equilibrio precario, sul filo della vita, con due figlie e una sola vocazione: la danza. Non per forza sincera, ma dannatamente vera. Fuori luogo ovunque, tranne sul palco, l’unico posto dove il suo modo di agire non è controproducente.

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!