#VeritàperDaphne. Le giornaliste del Mediterraneo “illuminano” Malta

E’ dedicata a Daphne Caruana Galizia la seconda edizione del Forum delle giornaliste del Mediterraneo.

Da Malta, Italia, Turchia, Tunisia, Kosovo, Kurdistan, le giornaliste chiederanno #VeritàperDaphne, “illuminando” le sue inchieste nel corso della due giorni e invitando i cronisti a farlo.

Saranno presenti due colleghe della giornalista uccisa in un attentato dinamitardo a Malta, lo scorso 16 ottobre.

Caroline Muscat e Petra Caruana Dingli illustreranno il metodo investigativo di Daphne e presenteranno in anteprima europea “Invicta. The life and work of Daphne”, un libro collettivo che vuole far conoscere il suo impegno per la Verità.

#PressPhobia: la nuova guerra all’informazione è il tema attorno a cui ruoterà ogni speech.

Una parola che racchiude un fenomeno globale: aggressioni, intimidazioni, querele temerarie nei confronti di giornaliste e giornalisti aumentano in Italia, che occupa invece gli ultimi post in Europa nelle classifiche sulla libertà di informazione.
Una vera e propria fobia nei confronti dell’Informazione che si alimenta di social network e fake news e che esplode nell’hate speech, se non in violenza fisica, minacce di morte o nelle più subdole querele temerarie.
Le giornaliste vogliono perciò riflettere sul loro modo di fare informazione e propongono la loro voce dai luoghi caldi dei conflitti sociali, politici, religiosi, ambientali.

Il Forum vuole essere uno spazio di riflessione e di valorizzazione dei talenti impegnati su tutti i fronti in difesa del diritto d’informazione di cittadine e cittadini.
Al Forum, organizzato dall’associazione “Gi.U.Li.A. giornaliste unite libere autonome”, le giornaliste pugliesi dialogheranno con le colleghe delle testate nazionali e internazionali proprio alla vigilia della giornata internazionale del 25 novembre con l’intento di testimoniare il ripudio per ogni forma di violenza contro le donne.

La presenza delle croniste sui territori, come attestato dei valori della Democrazia e della Pace, è il messaggio che ogni anno sarà lanciato dalla Puglia attraverso il Forum, creando ponti con altre città del bacino del Mediterraneo: un canale (www.giornaliste.org) che resterà aperto 12 mesi con una comunicazione bilingue (italiano e inglese) capillare e multimediale.

Otto i panel di discussione con interventi di alcune tra le più autorevoli firme del giornalismo italiano e internazionale:

  • Nurcan Baysal (tv turca T24),
  • Lina Ben Mhenni (candidata al Nobel per la Pace, blogger di A tunisian girl),
  • Leila Ben Salah (Radio Bullets),
  • Laura Cappon (Rai 3),
  • Luciana Capretti (scrittrice, La jihad delle donne).
  • Ester Castano (agenzia LaPresse),
  • Linda Dorigo (fotoreporter freelance),
  • Marilena Natale (giornalista sotto scorta, redattrice della web tv Piùenne),
  • Fabiana Pacella (freelance),
  • Giuliana Sgrena (il Manifesto),
  • Arbana Xharra (editor in chief del quotidiano Zei – Kosovo).
  • Caroline Muscat (editor theshiftnews.com – Malta)
  • Petra Caruana Dingli (accademica, editorialista di Sunday times of Malta e Times of Malta)

I lavori delle due giornate saranno chiusi da Carlotta Sami, portavoce UNHCR, Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati nel Sud-Europa.
Alle giornaliste ospiti sarà conferito il riconoscimento di “Inviata di Pace”: sarà donata loro una scultura originale che simboleggia lo sforzo quotidiano della scrittura come momento di costruzione della Democrazia e della Pace. L’opera è stata progettata appositamente per il Forum dall’artista Salvatore Sava.
Il Forum è organizzato da Giulia giornaliste su un’idea di Marilù Mastrogiovanni grazie al contributo di: Corecom della Regione Puglia, Consigliera di parità della Regione Puglia, FNSI (Federazione nazionale stampa italiana), USIGRai (sindacato giornalisti Rai), Idea Dinamica coop di giornalisti e con il Patrocinio della presidente della Camera dei Deputati Laura BoldriniAccademia della CruscaArticolo 21Ossigeno per l’InformazioneUniversità degli Studi di BariArchivio di Genere presso Uniba, Università del SalentoLIM (Laboratorio Interdisciplinare del Mediterraneo), Centro Studi Osservatorio Donna presso UniSalento, Associazione Una buona storia per LecceComune di LecceCREIS (centro di ricerca europeo per l’innovazione sostenibile).

Qui il programma dettagliato: http://giornaliste.org/homepage/edizione-2017

Questo il sito della manifestazione: www.giornaliste.org

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!