I giovani Leoni italiani si riuniscono a Giovinazzo

Il programma stilato dal Distretto pugliese, padrone di casa dell’evento, mira a coniugare momenti di svago e conoscenza del ricco patrimonio culturale, artistico ed enogastronomico della Puglia con momenti di riflessione su temi cardine per il futuro del Paese: fil rouge tra questi due aspetti è, appunto, l’ambiente. Come spiega la Presidente del Distretto Leo 108AB Puglia, “spiagge meravigliose e costiere mozzafiato, colori e profumi dei piatti tipici, borghi incantevoli faranno da cornice alla prima Multidistrettuale per quest’anno sociale. La Puglia non sarà semplicemente la regione ospitante, ma sarà uno stile: uno scrigno tra arte e natura, tra momenti congressuali e di divertimento”.

Venerdì sera la visita alla “Vedetta sul Mediterraneo”, ex forte militare posto a difesa del borgo di Giovinazzo, ed attuale sede della bibliomediateca del mare, sarà il primo appuntamento per i tanti giovani impegnati a sostegno della comunità. Sabato, invece, i Leo visiteranno Bari in una caccia al tesoro 2.0, organizzata dalla start-up barese Tou.Play.

I Leo club, ad oggi più di 6.500 nel mondo, sono le associazioni giovanili del Lions Clubs International. Leadership, Esperienza ed Opportunità: queste tre parole sintetizzano i valori abbracciati da ragazze e ragazzi in tutto il mondo sin dal 1957, anno di fondazione del primo Leo club in Pennsylvania. In Italia, ad oggi, sono più di 4000 i giovani di età compresa tra i 12 e i 30 anni che aderiscono ai Leo club locali per formarsi e contribuire concretamente ad una crescita della società civile. La Multidistrettuale annuale è un appuntamento fondamentale per i Leo: oltre ad inaugurare tradizionalmente il nuovo anno sociale, il meeting è un momento di confronto e coordinamento tra realtà in continua attività nell’ambito della cooperazione sociale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment