La Puglia non è una regione per donne (che lavorano)

Nelle grandi imprese pugliesi solo il 23% degli occupati è donna. Il rapporto della Consigliera di parità e Ipres

Nelle aziende pugliesi con più di 100 dipendenti non c’è posto per le donne. Il fenomeno è chiaro ed emerge dai dati elaborati da Consigliera di parità regionale e Ipres (Istituto pugliese di ricerche economiche e sociali) e inviati al Ministero del lavoro.

La rilevazione copre un arco temporale di 10 anni, dunque fotografa una situazione consolidata.

Tuttavia, nonostante le imprese con più di 100 dipendenti siano obbligate a comunicare i dati dell’occupazione alla Consigliera di parità regionale (articolo 46 del Dlgs. 198/2006, il “Codice delle pari opportunità”), non è stato possibile avere un quadro esaustivo in quanto solo 164 su 208 grandi aziende hanno inviato i rapporti biennali.

Grave il fatto che nessuna delle Aziende sanitarie pubbliche l’abbia fatto: le aziende pubbliche, che per prime dovrebbero rispettare la normativa, sono le prime a non adempiere agli obblighi di legge.

 

Veniamo ai dati: dai 10 anni di rilevazioni e 5 rapporti biennali elaborati, emerge che la discriminazione delle donne sul mercato del lavoro pugliese è conclamata.

 

Solo il 23% degli occupati è donna (su 74.445 dipendenti, 17.141 sono donne), con problemi di segregazione orizzontale, con quadri e dirigenti sistematicamente inferiori agli uomini, e lavoro part time (dati aggiornati al 31 dicembre 2015).

La netta maggioranza delle imprese non ha alcuna donna nel CdA. Rispetto alla composizione tra maschi e femmine del CdA, le imprese in cui le donne rappresentano oltre il 50% sono appena il 10% del totale.

Come dire che l’articolo 51 della Costituzione italiana è lontano dall’essere attuato (in Puglia come nel resto d’Italia).

 

Domani il seminario formativo “Le Aziende pugliesi e la Contrattazione integrativa tra stato dell’arte e prospettive per la produttività e il benessere”.

Organizzato da Serenella MOlendini, Consigliera di Parità regionale, Ipres, Università di Bari, Ordine dei Consulenti del lavoro e ANCL di Bari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Marilù Mastrogiovanni

Faccio la giornalista d'inchiesta investigativa e spero di non smettere mai. O di smettere in tempo http://www.marilumastrogiovanni.it/chi-sono-2/

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!