Morti su strada: il 50% in più rispetto al 2013

In tre mesi sono arrivati al pronto soccorso del Fazzi 4.476 traumatizzati in incidenti stradali. Di questi il 18% aveva assunto alcool o droghe

//BOLLETTINO DI GUERRA// Il 22% di chi arriva al pronto soccorso del Fazzi è per incidenti stradali, la maggior parte causati da droghe e alcool

Morti e feriti sulle nostre strade, si tirano le somme di un’estate da «bollettino di guerra»: il bilancio lo fa l’associazione Salute Salento attraverso i dati forniti dal primario del Pronto soccorso dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, Silvano Fracella. Ce le ricordiamo le sirene delle ambulanze dell’estate che ci siamo lasciati alle spalle? Un’estate da dimenticare. Il bilancio parla di una carneficina: il 50 per cento in più fra morti e feriti, rispetto al 2013, nonostante una lieve flessione degli incidenti. Nei tre mesi dal 15 giugno al 15 settembre sono rimasti sull’asfalto 38 morti, quasi un morto ogni due giorni; 7 in più dell’anno scorso. Ma soprattutto l’estate 2014 sarà ricordata per il forsennato e instancabile lavoro delle chirurgie ortopediche; di giorno e di notte; di rientro dalle discoteche e dai luoghi dello sballo. Complici l’alcol e le droghe. In tre mesi, su 20.786 accessi registrati al “Vito Fazzi”, ben 4.476, pari al 22 per cento, sono stati pazienti traumatizzati in incidenti della strada. Una cinquantina ogni giorno. Anche qui, un incremento dell’8 per cento rispetto allo stesso periodo del 2013, quando i traumatizzati furono «solo» 2.976 ( il 14 per cento) su 21.335 accessi. Dei 4.476 traumatizzati raccolti sulle strade salentine (dati forniti dal primario del Ps del Fazzi, Silvano Fracella), ben 806, (18 per cento), avevano abusato di sostanze, e di questi 467 per sostanze alcoliche e 339 per droghe. Parliamo dei soli conducenti, perché i passeggeri non sono soggetti alla prova dell’etilometro. Quindi i numeri dicono che su 4.476 politraumatizzati sono molti di più i soggetti colti a circolare sotto l’effetto di sostanze. I «giorni di fuoco» si sono registrati nel mese di agosto, con 7.795 accessi (pari al 38 di tutti gli arrivi al Ps) che diventano 7.053 (34 per cento) nel mese di luglio, 3.155 nei 15 giorni di giugno e 2.783 nei 15 giorni di settembre.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Valentina Isernia

Giornalista pubblicista, laurea in Industria Culturale e Comunicazione Digitale presso l’Università la Sapienza di Roma con specializzazione in Social Media. Analista di contenuti televisivi e di misurazione audience in real time. Social Media Manager, Social Engager, Community Manager, Storyteller

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!