Flash mob degli artisti: no i musei gestiti dai ‘monnezzari’

Unico partecipante, unico vincitore, anche in mancanza di requisiti oggettivi sulla gestione della programmazione culturale museale

//LA PROTESTA DELL’ARTE// Gli artisti chiamano a raccolta tutti: vestiti con sacchi d’immondizia contro la gestione museale di Axa

La statuina della Venere di Parabita con una vistosa buccia di banana in testa. E’ il simbolo del flash mob che alcune associazioni di artisti ha organizzato per oggi pomeriggio alle 18.30, al sedile di piazza s. Oronzo a Lecce, per protestare contro l’assegnazione da parte della Provincia dell’intera gestione del sistema museale provinciale ad Axa servizi ambientali, società che si occupa di raccolta rifiuti. Il tam tam è partito ieri sera sui social network: l’appello è vestirsi con sacchi neri d’immondizia e star fermi, in piedi o per terra, nei pressi del sedile di piazza S. Oronzo, in attesa che Axa servizi passi a raccogliere i rifiuti, cioè gli artisti, l’Arte. Oggi, che la città è giustamente travolta dall’euforia per la visita della giuria internazionale che decreterà la capitale europea della cultura per il 2019, gli artisti vogliono, altrettanto giustamente, invitare la cittadinanza a riflettere sul reale valore che a Lecce si dà alla Cultura.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment