Dove parcheggia il disabile?

I parcheggi di Piazza Bottazzi, destinati ai disabili che si recano al Poliambulatorio sono pochi e sempre occupati da non disabili

//LA DENUNCIA//Lecce, piazza Bottazzi. I disabili non accedono al Poliambulatorio, i maleducati prevalogono. La lettera del Centro per il diritto alla salute

Traffico caos in piazza Bottazzi, il “Centro per il diritto alla Salute” denuncia l’assoluta insufficienza di parcheggi riservati ai disabili e chiede al sindaco Paolo Perrone di intervenire. Non usa giri di parole la professoressa Rosa Orlando, presidente del “Centro per il diritto alla Salute” (sportello al pubblico al Vito Fazzi) e chiama in causa l’amministrazione comunale leccese perché intervenga a tutela dei soggetti deboli e disabili che ogni giorno si recano alla Cittadella della Salute. L’associazione Salute Salento rende noto che in una lettera inviata le settimana scorsa al sindaco e all’assessore alla Mobilità, la responsabile dell’associazione di volontariato denuncia la situazione insostenibile che si è venuta a creare nella piazzetta dove opera anche una postazione del 118. «La nostra associazione, che da anni si dedica alla tutela dei diritti dei disabili per quanto concerne la loro salute e sicurezza, – scrive la Orlando – avverte il dovere di segnalarvi la situazione dei parcheggi ora esistente in piazza Bottazzi. Dallo scorso 18 agosto, da quando la direzione della Asl nel tentativo di mettere ordine all’interno delle aree del Poliambulatorio dedicate al parcheggio, ha limitato e regolamentato l’accesso alle macchine, – aggiunge – la situazione in piazza Bottazzi è divenuta ancora più caotica e a farne le spese sono principalmente i cittadini diversamente abili. Con la presente – conclude – vi preghiamo di aumentare i posti macchina a loro riservati, che riteniamo del tutto insufficienti e occupati spesso da automobilisti che non hanno titolo».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment