Chi ha spiaggiato la balena?

Lo strano caso di una società petrolifera con sede nelle case popolari di Monteroni e nella sede di una ditta di pulizie di Lequile

//L'INCHIESTA// Le società delle trivelle spesso sono inconsistenti. Nel 2011 seguendone le tracce, arrivammo alla periferia di Monteroni. E a una ditta di pulizie

Nel 2011 scoprimmo dell'incredibile. soprattutto scoprimmo e capimmo che per fare richiesta di trivellazione non serve né curriculum, né competenza, né un progetto sensato. Eccovi il sommario di un'inchiesta, come sempre documentata in ogni virgola. SFOGLIALA QUI Corsa all'oro nero. Il nostro viaggio per cercare di capire di più sugli affari che passano per il mare Adriatico parte da Sciacca, in Sicilia, e ci porta in Irlanda. Poi torniamo giù alle Tremiti. Da lì arriviamo a Monteroni e a Lequile, per poi ripartire per Otranto e volare in Russia e ritornare ancora nel Salento, a Martano. La San Leon Energy: il petrolio tra Lequile e Monteroni. Gli strani intrecci tra una società petrolifera e una ditta di pulizie. Hanno condiviso l'amministratore delegato, mentre il fondatore di una è stato dipendente dell'altra. Putiniani di Puglia. I gasdotti che arriveranno nel Canale di Otranto hanno dietro le quinte il grande tessitore di interessi lobbistici, incarnato nel Pd dalemiano, Roberto De Santis, da Martano, Lecce. La paladina d'oltremare. Maria Rita D'Orsogna da Los Angeles guida il popolo degli ambientalisti che si oppongono alle trivelle. LEGGI L'INCHIESTA DEL 2011, 'TRIVELLE E GASDOTTI NEL MARE DI OTRANTO'

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!