100km in moto tra ulivi e barocco

Gara organizzata dal Motoclub Melpinio di Melpignano (Le)

Lecce. Il Motoraid dei Menhir, sesta prova del Campionato Italiano di regolarità su strada è stato un successo. In gara anche una Moto Guzzi 65 del 1948

MOTORAID DEI MENHIR 21/9/2014 – 6° Prova del Campionato Italiano In una giornata estiva, dove si son sfiorati i 30°, si è svolta nel Salento il 21 settembre scorso, la seconda edizione del Motoraid dei Menhir, gara di regolarità su strada, 6° prova del campionato italiano Motoraid. La gara, organizzata dal Motoclub Melpinio di Melpignano (Le) ha visto alla partenza 55 piloti, provenienti da varie regioni d’Italia e, addirittura, si è registrata l’iscrizione di un pilota proveniente appositamente da Atene. Inoltre, da segnalare, la presenza di cinque donne; un numero inconsueto per una competizione di questo tipo. Per la partenza e arrivo è stata scelta Piazza Arco di Trionfo a Lecce, nell’area storica della città barocca. Da evidenziare che, con il numero 1, si è schierata una Moto Guzzi Motoleggera 65 del 1948 e con il numero 52 una splendida Frera 175 TL del 1932; inoltre, diverse Mv Agusta, Laverda, BMW, Ducati e le immancabili vespe e lambrette. Tra le tante, una nota di colore, l’hanno regalata le venti Ducati Scrambler con i loro colori brillanti e le due Élite 200, sempre della casa bolognese. Per la gioia degli appassionati, una stupefacente Moto Guzzi Sport 14 Competizione del 1929, ha fatto bella mostra di sé. L’itinerario, lungo 101,250 Km. tra ulivi e lungo la costa adriatica, comprendeva due prove speciali: una nel Comune di Caprarica, su una “serra salentina” e l’altra all’aeroporto Lecce Lepore; per i due punti orario sono stati scelti i Comuni di Martano, nella Grecìa Salentina e la cittadella fortificata di Acaya. Insomma situazioni che hanno impegnato, non poco, i piloti e la macchina organizzativa agli ordini del direttore di gara Maria Rita Sarcinella. Alla fine, nessun ritirato e pranzo conviviale seguito dalle premiazioni. Il podio: Antonio Pio, su MV Agusta 125 Extra Maurizio Donno, su MV Agusta 125 Turismo GT Matilde Casaluci, Ducati Scrambler 350 Premi speciali alla moto più antica e al pilota giunto da più lontano.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati