Consorzi di bonifica, in arrivo la riforma. Arneo e Ugento accorpati

La riperimetrazione potrebbe aumentare i costi a carico degli agricoltori. E' l'analisi di Salvatore negro (Udc)

//LOTTA AGLI SPRECHI// Nasce il consorzio del Salento, dall’accorpamento degli attuali Arneo e Ugento Li Foggi

Consorzi di bonifica, in arrivo gli accorpamenti. Della riforma dei consorzi di bonifica se ne parla da anni. La necessità di ridurre i buchi di bilancio e gli sprechi e di aumentare la qualità dei servizi è diventata impellente. Gli agricoltori in passato si sono visti recapitare cartelle esattoriali fuori controllo, a fronte di nessun servizio erogato dai Consorzi. La Regione Puglia ha approvato una delibera di Giunta (n.1685 del 6/8/2014) con cui stabilisce gli accorpamenti dei consorzi e i nuovi perimetri territoriali di competenza. Un’analisi, con delle critiche, arriva dal Salvatore Negro, presidente del gruppo consiliare dell’Udc. Gli attuali consorzio d’Arneo e Ugento Li Foggi saranno accorpati in un unico e nuvo Consorzio del Salento. Una grossa fetta poi dell’attuale comprensorio dell’Arneo, quello a nord di Brindisi, passerebbe al consorzio Stornara e Tara. Queste riperimetrazioni – dice Negro – penalizzano i Consorzi di Nardò e Ugento, sia per l’unico accorpamento sia per la riduzione del territorio di competenza. Infatti, sul territorio del consorzio Stornara e Tara insistono molte opere di bonifica ed un impianto irriguo che è in funzione durante tutto l’arco dell’anno. Ciò contribuisce in modo notevole sulla determinazione dei piani di classifica e conseguentemente sull’importo dei ruoli (contributo di bonifica). Nel caso in cui il consorzio del Salento dovesse perdere tale territorio – dice Negro – la conseguenza sarebbe quella che i ruoli andrebbero ad aumentare poiché, gli oneri per il funzionamento del nuovo consorzio del Salento, si ripartirebbero su un territorio minore, a danno degli agricoltori salentini. “Dopo 10 anni di ritardo con cui questa maggioranza sta mettendo mano al riordino dei Consorzi di Bonifica ci si aspettava una migliore riorganizzazione. L’auspicio quindi è che il Consiglio regionale, che sarà chiamato ad approvare definitivamente il riordino di questi Enti, possa rivedere la perimetrazione in modo più razionale e nell’ottica di una futura proficua operatività del nuovo consorzio del Salento senza gravare eccessivamente sugli utenti”, conclude il capogruppo dell’Udc.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!