Brindisi onora Pentassuglia con un'altra vittoria

New Basket Brindisi – Dinamo Sassari: 72 a 60

Brindisi. Quarta vittoria di fila dell'Enel Brindisi nel trofeo Pentassuglia. Battuta Sassari per 72 a 60. Marcus Denmon m.v.p. del torneo. Guarda la fotogallery

(foto: Evangelista) Brindisi continua a onorare al meglio la memoria del suo cestista più amato, aggiudicandosi per quarta volta su quattro edizioni, il trofeo dedicato a Elio Pentassuglia. pentassugliaSoprannominato “Big Elio”, sia per la sua mole imponente che per le sue grandi doti umane, Pentassuglia è stato uno dei più importanti allenatori di pallacanestro italiani (premio Van Zandt 1969 di allenatore dell'anno, 2 titoli nazionali giovanili e, soprattutto, una coppa Korac vinta nel 1980 con il Rieti). Brindisino doc, Pentassuglia ha giocato diverse stagioni nella Libertas Brindisi negli anni '50 e '60. Ha poi dovuto lasciare l'agonismo per un infortunio, dedicandosi all'area tecnica. Dopo una stagione folgorante da allenatore, tra il 1982 e il 1985 è tornato a Brindisi per allenare la squadra della sua città (la mitica Bartolini Brindisi), portandola ai massimi livelli. Brindisi si è quindi aggiudicata la finale del memorial Pentassuglia 2014, lasciando ben sperare i suoi tifosi per l'inizio imminente della stagione. Vittoria per 72 a 60 contro la temibile Dinamo Sassari. La guardia del Brindisi Marcus Denmon, inanella per tutta la gara una serie di tiri e passaggi, tanto da meritare il titolo di miglior giocatore del torneo. Il primo tempo dominato dall'Enel, si chiude con Brindisi a +9 punti. Nel terzo quarto i padroni di casa provano a scappare via ancora con Marcus Denmon che si fa trovare pronto a punire da tre punti, mentre Delroy James si rivela un fattore decisivo sia in attacco che in difesa. La reazione sassarese arriva da due triple di Todic, Logan cerca più volte il bersaglio, ma sopratutto quando l'attacco non produce un tiro in ritmo l'esterno sassarese è costretto a forzare. Sullo scadere del terzo quarto Denmond e Henry allungano nuovamente su Sassari grazie a un canestro da tre e un bruciante arresto e tiro. Nel quarto periodo gli uomini di coach Bucchi sono bravi a rispondere a tono ai tentativi di rimonta dei biancoblu sardi, aggiudicandosi per la quarta volta il memorial sul parquet di casa.

Tabellini:

Enel Brindisi: Harper 2, James 9, Crotta ne, Cournooh 3, De Gennaro ne, Ayers 5, Denmon 20, Morciano ne, Zerini 6, Henry 8, Mays 17, Ivanov 2. All: Piero Bucchi Dinamo Banco di Sardegna: Logan 9, Sosa 14, Sanders 9, Devecchi, Lawal 7, Sacchetti T. ne, Vanuzzo, Brooks 13, Todic 8. All.: Meo Sacchetti

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!