Puglia, raccolta differenziata oltre il 28%

Bari. Focus dell’assessorato all’Ambiente in collaborazione con Anci e Conai su differenziata e il riciclo dei materiali

La raccolta differenziata in Puglia ha superato il 28 per cento, con un trend degli ultimi mesi decisamente positivo. Il dato, riferito a giugno, è stato messo in evidenza nel corso di un incontro che si è tenuto nello spazio dell’assessorato all’ambiente, nel Nuovo padiglione della Fiera del Levante. All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore regionale all’ambiente, Lorenzo Nicastro, e il responsabile Area Sud del Conai, Fabio Costarella. Dal 2010 a oggi – hanno sottolineato i relatori – c'è stato un incremento della media regionale che si aggira attorno ai dieci punti percentuali, un dato non ancora sufficiente ma certamente stimolante sul piano delle attività di programmazione. “Il confronto con Conai e Anci rispetto al lavoro fatto finora – ha sottolineato Nicastro – è importante per fare il punto sulle novità introdotte dalla Regione sia in termini di governance che di gestione del ciclo dei rifiuti”. Nel corso del’incontro è stato poi sottolineato il rapporto dialettico tra chi, come i sindaci, è chiamato a gestire, sia pure in maniera consorziata i servizi di raccolta e smaltimento e chi, invece, come il Conai svolge un ruolo nazionale di coordinamento e, soprattutto, di ridistribuzione di risorse derivanti dalle buone pratiche di smaltimento. “Questa collaborazione – ha detto Nicastro – ha l’obiettivo di far intravedere agli amministratori pubblici quanto sia importante spingere sulla differenziata e il riciclo dei materiali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment