Montani, ecco la 'stalla' vista dal drone

Presunti abusi edilizi nelle campagne del Salento

Salve. Fossi un turista, sceglierei una 'stalla' come questa per trascorrere le mie vacanze nel Salento: a due passi dal mare, su una serra (quasi) incontaminata. LEGGI L'INCHIESTA

Per fortuna che ci vengono in soccorso le nuove tecnologie. Perché a volte, per vederci chiaro, è bene ampliare lo sguardo. Elevarsi. Cambiare prospettiva. Avere uno sguardo lungo, che includa l’orizzonte. E’ proprio quello che può fare un drone: sempre più economici (anche 200 euro), leggiamo sui giornali delle meraviglie che possono fare, al servizio dell’informazione. Eccolo dunque il suo sguardo lungo, a 100 metri d’altezza sopra la grotta Montani, in quel di Salve. La nostra articolata e documentata inchiesta (LEGGILA QUI), aveva fatto vedere come, con un iter apparentemente regolare e usando tutte le astuzie consentite dalla legge (ma anche qualche reato, tipo costruzione di strade abusive, poi sequestrate), era stato possibile costruire una serie di casette “ad uso agricolo” che in realtà si prefiguravano come delle belle villette, un bel villaggio turistico. C’era anche un grande locale, autorizzato come “stalla”, in un posto senza pascoli. Noi immaginavamo che sarebbe stato bello farne un ristorante al servizio delle casette “uso agricolo”, un salone ricevimenti, sempre al servizio dei contadini, un’area servizi in un elegante resort. Dopo più di un anno e mezzo dalla nostra inchiesta lo sguardo lungo del drone, attivato da alcuni cittadini attivi, ci rivela che la “stalla” ancora non è usata come “stalla”: nessun animale intento a brucare le pietre (come potrebbero?), per poi trovare ricovero tra le eleganti pareti del “deposito”, nessun segno di vita da fattoria, ma solo una gran bella costruzione, in stile mediterraneo, in stile con le altre villette dei “contadini”. Se fossi un turista, non avrei dubbi: sceglierei una “stalla” come questa per trascorrere le mie vacanze nel Salento: a due passi dal mare, su una serra (quasi) incontaminata, a contemplare la bellezza dal mio resort di lusso. E voi?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment