Recuperare le rare varietà di frutti di antica coltivazione

Tricase. Il 17 luglio si discute di progetti integrati per la biodiversità. Opportunità per la coltivazione di specie rare di frutta, olivo e antichi vitigni

Giovedì 17 luglio alle ore 19 si terrà un incontro pubblico a Tricase presso la Chiesa dei Diavoli, via Per Borgo Pescatori, che sarà coordinato dalla Cia Puglia e da “Agricoltura è Vita srl”. L'obiettivo dell'incontro è molto concreto: ricercare, identificare e recuperare varietà locali rare di fruttiferi, olivo e vite di antica coltivazione. E degli incontri pubblici sul territorio regionale, nei quali presentare agli agricoltori i progetti, sono sembrati agli organizzatori il modo più immediato per raggiungere lo scopo: mostrare loro le reali possibilità di puntare sulle antiche coltivazioni di pregio. Al termine delle relazioni, sarà dato spazio alle segnalazioni da parte degli agricoltori di varietà coltivate locali a rischio di estinzione. Il seminario, visto l’alto profilo dei relatori, ha un elevato valore scientifico ed ha, altresì, una notevole importanza per tutto il settore agricolo del comprensorio. All’incontro interverranno il presidente provinciale della Cia di Lecce Giulio Sparascio,il Sindaco Antonio Coppola e l'Ass.re alle Attività Produttive Giacomo Elia cui seguiranno gli interventi scientifici del dottor Leonardo Susca e del dottor Giuseppe Ferrara, in rappresentanza degli enti scientifici capofila dei progetti. Organizzatori: Cia (Confederazione Italiana Agricoltori) Puglia e “Agricoltura è vita srl”, insieme con l’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, il Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura “Basile Caramia”, Sinagri srl Spin Off dell’Università degli Studi di Bari, Coldiretti, Impresa verde srl, Confcooperative, è partner di tre “Progetti integrati per la Biodiversità”, denominati Re.Ge.Fru.P., Re.Ger.O.P. e Re.Ge.Vi.P., che riguardano la salvaguardia in Puglia di varietà coltivate a rischio di estinzione, in particolare di fruttiferi, olivo e vite.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment