Guantoni rosa. Cristina Mazzotta al campionato italiano di boxe ‘Elite’

Roma. Sul ring domani la 26enne di San Donato di Lecce portacolori dell'Accademia Pugilistica Boxe Lecce

Oramai è tutto pronto per dare il via ufficiale all'edizione 2014 dei Campionati Italiani Femminili Elite 1ª e 2ª Serie, in programma a Roma dall'11 al 13 luglio prossimi, all'interno dell’Anfiteatro “Parchi della Colombo” di Via Cristoforo Colombo. A salire sul ring anche un'atleta leccese: la 26enne Cristina Mazzotta, categoria kg 75 portacolori dell'Accademia Pugilistica Boxe Lecce diretta dal tecnico Angelo Lezzi. Cristina Mazzotta, oltre ad essere un'atleta è soprattutto mamma del piccolo Marco (di appena due anni) e moglie di Eugenio. Mamma Cristina vive nella sua San Donato (a pochi chilometri da Lecce) e da circa un anno si allena per il Campionato Italiano Elite. «Con il pugilato ho iniziato circa sei anni fa, alla Helios Boxe di Lecce, anche se praticavo al contempo anche la kickboxing – afferma mamma Cristina – Poi visto che con le gambe non mi trovavo a mio agio, ho voluto scegliere una palestra dedicata esclusivamente al pugilato, quindi poco più di un anno fa, sono approdata alla Boxe Lecce diretta dal tecnico Angelo Lezzi. Prima di approdare alla Boxe Lecce, ho dovuto bloccare l'attività agonistica perché impegnata a far nascere il mio piccolo Marco. Smaltite le fatiche della gravidanza, insieme a mio marito, abbiamo deciso di tornare in palestra. A dire il vero, dopo appena poche settimane di lavoro, ho voluto partecipare ai campionati dello scorso anno, in programma a Padova, perdendo la semifinale contro la toscana Annalisa Ghirardi; nonostante la sconfitta, il bilancio è stato positivo perché sapevamo di aver preparato l'appuntamento in pochi giorni. Dopo essere tornata da Padova, con il mio maestro Lezzi, abbiamo voluto pianificare un programma di allenamento, con l'obiettivo di puntare proprio dritto ai campionati del 2014. Ovviamente, non è facile conciliare il ruolo di mamma con quello di atleta, peraltro mio marito si allena con me, quindi siamo costretti a chiedere indulgenza ai miei genitori o a mia sorella Federica, per accudire Marco. A casa comunque, ho allestito un sacco, quindi anche con mio figlio “ci alleniamo” tra le mura domestiche. In palestra – aggiunge mamma Cristina – preferisco non superare le tre sedute settimanali: di concerto con il mio maestro, preferiamo intensificare al massimo ogni singola seduta, senza prolungare eccessivamente lo spazio dedicato agli allenamenti; il nostro motto è, il giusto ma fatto bene. A Roma, spero di far bene ma soprattutto mi auguro di riuscire a mettermi in mostra; sono convinta di essermi preparata adeguatamente, quindi ci sono tutti i presupposti per essere fiduciosi». A rappresentare la Puglia anche la 24enne pluricampionessa barese, Eva Magno, categoria Elite 1ª Serie, kg 51 (Acc. Pug. Portoghese). La Magno potrebbe completare una stagione finora segnata dall'oro: campionessa al Guanto d'Oro e agli Universitari. Infine, ai Campionati Italiani Femminili, saranno presenti, il vegliese Sebastiano Sapuppo (Giuria d'Appello), la tarantina Maria Rizzardo (Arbitro-Giudice) e il foggiano Giuseppe Macchiarola (Commissione Medica). Le prime due giornate riservate ai Quarti e alle Semifinali (rispettivamente in programma l'11 e il 12 luglio) verranno trasmesse in diretta LiveStreaming su FPIOfficialChannel (Canale Youtube Ufficiale della FPI), mentre le finali saranno immortalate dalle telecamere di RaiSport. Per seguire, infine, il livescore di tutti gli incontri, basterà collegarsi alla Homepage del sito della Federazione Pugilistica Italiana: fpi.it. La kermesse sarà impreziosita dalla mostra fotografica curata da Luigia Giovannini, in programma nella giornata di domenica 13 luglio, e dalla Cantante Linda D, che nella serata finale intonerà l'inno di Mameli. Social Partner: Donne e Politiche Familiari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!