Torre Veneri, si rinvia a dicembre

Lecce. Dalle perizie risulta che ci fu smaltimento illecito. Nel frattempo il comando Scuola Cavalleria promette la caratterizzazione dell'area

I resti di munizioni usate presso il Poligono di Torre Veneri sono stati smaltiti illecitamente per un lungo periodo, ma è difficile stabilirne le responsabilità tra il personale militare. Questo il senso del fascicolo delle indagini a cura della pm Elsa Valeria MIgnone, che ha chiesto l’archiviazione al gip Simona Panzera. Una cronaca dettagliata della Camera di consiglio di oggi l’ha pubblicata Gabriele Molendini, per Lecce Bene comune e potete leggerla QUI. Il Tacco si è occupato estesamente dell’argomento, denunciando per primo, e anche attraverso la voce di un autorevole rappresentante dello Stato, il senatore Giorgio Rosario Costa, attività illecite, probabilmente anche ad opera di organizzazioni criminali, delle carcasse delle munizioni. La notizia però non è questa. La notizia è che, scrive Gabriele MOlendini “il Comando Scuola di Cavalleria ha depositato “presso il PM” una lunga nota con cui dichiara che sta provvedendo insieme all’Università di Lecce ad effettuare la “caratterizzazione” (ovvero l’identificazione, l’analisi dei materiali in zona) e sta adottando un nuovo disciplinare nel quale tra l’altro prevederà utilizzo di materiali prevalentemente “green” (sic!) ed avrebbero provveduto alla bonifica delle aree e del mare”. Sembrerebbe quindi che si sia passati alla fase operativa della caratterizzazione dell’area, finora annunciata. Non è ben chiaro invece come dei proiettili possano essere ‘green’. Ma siccome siamo ottimisti per natura, attendiamo dall’Esercito lumi in merito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!