Santu Paulu: tra musica e leggenda

//SPECIALE SANTU PAULU// Il legame che unisce i santi Pietro e Paolo alla città di Galatina tra storia, musica e leggenda

di Valentina Isernia Con la fine di giugno, si ripete, a Galatina, un'antica tradizione, che affonda le sue radici in un lontano passato, fra leggende, memorie e riti sacri. E' la festa dei santi Pietro e Paolo. La tradizione vuole che l'apostolo Pietro, durante il suo viaggio dalla Palestina a Roma, attraversò il Salento; alla ricerca di un luogo in cui riposare, si fermò nei pressi del casale di Galatina su un masso nel fondo di Pisanello, in contrada San Vito. Si tratta della stessa pietra conservata ancora oggi nella Chiesa Matrice. La credenza ha sempre fatto parte dell'immaginario della città, che fino all'unità d'Italia, veniva indicata con il nome di San Pietro in Galatina o San Pietro galatino e, ancora oggi, mostra nello stemma cittadino le chiavi decussate di San Pietro dono di Alfonso d'Aragona. Anche la figura di san Paolo è legata alla storia della città, una figura fortemente presente sopratutto nelle storie che riguardano i “tarantolati”. Si narra che San Paolo, in una notte di tempesta, avesse trovato rifugio presso un galatinese. Per ringraziarlo dell'ospitalità, san Paolo diede facoltà a all'uomo di guarire dal terribile morso della tarantola; una facoltà tramandabile di generazione in generazione. Le ultime sanpaolare, non avendo figli, decisero di rendere “miracolosa” l'acqua di un pozzo di loro proprietà. Si tratta dello stesso pozzo oggi ospitato dalla cappella intitolata a San Paolo che per secoli ha accolto i tarantolati e le tarantolate in occasione della festa patronale del 28, 29 e 30 giugno. A ricordare questo legame tra sacro e tradizione popolare, vi è una celebre canzone ballata al ritmo di “pizzica”: “U santu Paulu”: E Santu Paulu meu de le tarante, e Santu Paulu meu de le tarante, ca pizzichi le caruse, ca pizzichi le caruse, ca pizzichi le caruse a ’mmienzu ll’anche, a ’mmienzu ll’anche, a ’mmienzu ll’anche, ca pizzichi le caruse a ’mmienzu ll’anche. 2E Santu Paulu meu de li scurzuni, e Santu Paulu meu de li scurzuni, ca pizzichi li carusi, ca pizzichi li carusi, ca pizzichi li carusi alli cuiuni, alli cuiuni, alli cuiuni, ca pizzichi li carusi alli cuiuni. 3E Santu Paulu meu de Galatina, e Santu Paulu meu de Galatina, fammela 'ccuntentà, fammela 'ccuntentà, fammela 'ccuntentà stà signurina, stà signurina, stà signurina, fammela 'ccuntentà stà signurina. 4E Santu Paulo meu dele tarante, famme na grazia a mie a tutte quante. E Santu Paulo meu de Galatina, fammela cuntentà sta signurina. E te pregu Santu Paulu falla guarire, e te pregu Santu Paulu falla guarire, e ca l’ave pizzicata e ca l’ave pizzicata, e ca l’ave pizzicata la tarantella, la tarantella, la tarantella, e ca l’have pizzicata la tarantella. 5E cu te pizzicau la tarantella, sutta lu giru giru dela gunnella. E se vidi ca se cotula lu pete, Quiggiu è lu segnu ca vole ballare. E lassatila ballare ca è tarantata, ca porta la taranta sutta lu pete. E balla bella mia ca sa ballare, ca lu tu ballo sai move lu pete. E santu Paulu mio de le tarante Pizzichi le caruse e le fai sante

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Valentina Isernia

Giornalista pubblicista, laurea in Industria Culturale e Comunicazione Digitale presso l’Università la Sapienza di Roma con specializzazione in Social Media. Analista di contenuti televisivi e di misurazione audience in real time. Social Media Manager, Social Engager, Community Manager, Storyteller

Articoli correlati