Tre arresti in flagranza in una notte

Lecce e Copertino. Due topi d’appartamento e un ladro d’autovetture presi in flagranza

Durante la notte appena trascorsa, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Lecce hanno tratto in arresto Raffaele Saponaro, di Brindisi, mentre rubava una Peugeot 107. Nel corso di un consueto servizio di pattugliamento, giunto in Via Calore l’equipaggio Radiomobile ha notato l’autovettura, col motore acceso, parcheggiata al lato strada, con una portiera completamente aperta. Ritenuto strano quel comportamento, hanno deciso di approfondire il controllo ed hanno potuto appurare che Saponaro era accovacciato all’interno dell’abitacolo intento a cablare la cavetteria del circuito elettrico: tecnicamente, stava sostituendo la centralina che comanda il blocco di accensione, precisamente quella che comunica con la chiave elettronica. I moderni veicoli, infatti, sono dotati di dispositivo immobilizer, un particolare antifurto che non permette l’accensione del veicolo se la chiave elettronica non comunica il proprio codice ad una seconda centralina alloggiata nel vano motore. Saponaro aveva già provveduto a sostituire anche la seconda centralina ma qualcosa dev’essere andato storto. Il veicolo, infatti, non riusciva a superare i 30 km orari, ed è per questo che si è fermato una seconda volta, prima di essere raggiunto dai Carabinieri. Non ha potuto far altro che confessare il fatto: tratto in arresto, è stato condotto in caserma. Sul sedile passeggero dell’auto, è stato rinvenuto un borsone con gli “attrezzi del mestiere”: numerose chiavi inglesi, forbici, pinze e cacciaviti, oltre alle due centraline e ad un particolarissimo attrezzo “estrattore”, utile per far saltare le serrature. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro. L’uomo, invece, è stato condotto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Brindisi, su disposizione del pm di turno Giuseppe Capoccia e a disposizione dell’autorità giudiziaria per il rito direttissimo. L’autovettura è stata restituita alla legittima proprietaria. Altra dinamica a Copertino. Nella serata di ieri i militari della locale Tenenza hanno tratto in arresto, Francesco Carrozzo, 29enne di Carmiano, con l’accusa di tentato furto in abitazione e violazione degli obblighi della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno e deferito in stato di libertà I.A. 26enne di Carmiano, con l’accusa di tentato furto. Nel tardo pomeriggio di ieri i militari della Tenenza di Copertino sono stati contattati da un uomo della cittadina il quale, nel rientrare nella propria abitazione, aveva trovato due uomini, a volto scoperto, intenti a rovistare tra le sue cose. Accortisi della presenza del proprietario, i due uomini si erano dati a precipitosa fuga sulla strada dove avevano uno scooter di grossa cilindrata ad attenderli. Ma, forse per un malfunzionamento, o forse per la fretta nella fuga, il mezzo è stato lasciato abbandonato a poca distanza. Da un controllo dell’abitazione, il proprietario ha potuto notare che a mancava, essendo evidentemente rientrato prima che mettesse a punto il colpo. I militari giunti sul posto, sentito il proprietario ed alcuni vicini, risaliti al proprietario del mezzo, cioè I.A., e riconosciuto CArrozzo quale complice dalla descrizione fattane dai testimoni, sono immediatamente partiti alla caccia dei due uomini. Carrozzo è stato rintracciato nei pressi della propria abitazione ed immediatamente tratto in stato di arresto. Per lo stesso, infatti, all’accusa di tentato furto in abitazione si aggiunge quella della violazione degli obblighi della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno che, in pratica, gli vieta di uscire dal Comune di Carmiano senza autorizzazione. Su disposizione del pm di turno, CArrozzo è stato posto agli arresti domiciliari in attesa della convalida, mentre per l’I.A. è scattato il deferimento in stato di libertà per tentato furto.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!