Fitto sogna Napoli

 

#totoFITTO. ‘Lavoro per unire’. Lo ripete come un mantra. Ce la farà oggi l’ex delfino di Berlusconi ad avere Mara Carfagna a dargli man forte?

Di Salvatore Ventruto “Al-Fitto” non si arrende e ci riprova. Sperando di essere più fortunato. E così oggi 23 giugno il suo “Oltre le divisioni Tour” farà tappa a Napoli, all’Arenile di Bagnoli. Per adesso tutto sembra filare liscio, con migliaia di inviti che in queste ore stanno raggiungendo gli irriducibili forzisti. Ecco forse spiegato lo scatto felino col quale qualche giorno fa ha abbandonato la conferenza stampa del Caimano sulle riforme. Segnali da Milano non ne sono ancora arrivati, il cerchio magico berlusconiano non da segni di vita. “Al-Fitto” incrocia le dita, lasciando trasparire una certa determinazione. “Vado in Campania – dice – senza utilizzare lo specchietto retrovisore, né facendomi coinvolgere in polemiche di alcuni giorni fa che mi vedono del tutto estraneo”. Per la serie “chi ha avuto, ha avuto, ha avuto… chi ha dato, ha dato, ha dato… scurdàmmoce ‘o passato”. Corre, corre veloce “Al-Fitto”, anche se, sostengono molti colleghi di partito, non sulla macchina di Forza Italia, ma su quella di “Forza Campania”. Lui smentisce e afferma che lunedì a Napoli “si dovrà cominciare all’interno di Forza Italia a ragionare serenamente e chiaramente per dare l’immagine di un movimento adulto, rispettoso di tutti e capace di interrogarsi sulle difficoltà”. “Lavoro per unire” continua a ripetere come un mantra “Al-Fitto”, ma intanto lunedì è in forte dubbio anche la presenza di Mara Carfagna. E forse quando salirà sul palco “Sogna Ragazzo Sogna” di Roberto Vecchioni potrebbe essere la giusta musica di sottofondo“.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Salvatore Ventruto

Giornalista pubblicista. Ossessionato dal dubbio, prigioniero della curiosità.

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!