L’orrore di un albo per i bambini mai nati

Una proposta disumana. Inizia la caccia alle streghe del Movimento regione Salento che vuole tumulare gli embrioni

Vi chiedo di immaginare il dolore di una donna che abbia perso il bambino per cause al di sopra della sua volontà. Oppure pensate ad una donna che abbia deciso di abortire: trovatemene una, in un caso o nell’altro, che abbia vissuto l’esperienza a cuor leggero. Una per cui l’aborto, nonostante tutto, e nonostante l’abbia scelto, non sia stato uno shock. Probabilmente queste donne avranno solo voglia di rimuovere o elaborare la perdita, facendosene una ragione.

Prendete invece questi feti, inseriteli in un albo comunale ufficiale, realizzate poi un recinto speciale nel cimitero. Ecco fatto il recinto dei figli di puttana. Il ghetto dei figli di stronze. Oppure dei mostri, dei diversi, di quelli che erano troppo deformi per condurre una vita normale. A chi servirà infatti questa operazione della memoria? Questa commemorazione? Agli antiabortisti, ai movimenti pro legge 40 e contro la legge 194, a chi vuole fare del corpo della donna un involucro senza capacità e diritto di discernimento. Una leva di moral suasion, di pressione morale ed etica contro le donne e il loro diritto di autodeterminazione, garantito dalla Costituzione. Perché immaginatevi poi gli antiabortisti a fare funerali a questi mucchietti di cellule, con frasi ad effetto sulla vita e l’amore negato.

Ecco: il Movimento di una Regione che non esiste (la Regione Salento) vuole fare un cimitero per bambini che non sono mai nati. Il suo esponente di maggiore spicco, il presidente del consiglio comunale di Lecce Alfredo Pagliaro, vuole realizzare “un’anagrafe per riconoscere l’identità dei bambini mai nati” (sic!) e per farlo vuole portare avanti una proposta di legge d’iniziativa popolare. Reclamano, anche “l’obbligatorietà al trasporto dei feti morti da parte della Asl e ad esumare i corpi nelle strutture cimiteriali, peraltro già pronte per questo tipo di soluzione”. Significa che i resti di un aborto entro il terzo mese dovranno obbligatoriamente essere tumulati, e non essere inceneriti, come è normale che sia.

E tutto questo lo scrivono in uno stridente comunicato in cui accostano il gonfalone del comune di Lecce con il logo di Lecce2019, “reinventare eutopia”. Mi chiedo a quale città del futuro pensavano, a quale ‘utopia’, quando hanno partorito l’idea. Dimenticano, queste persone, che l’identità dei bambini nati morti, oggi è già garantita dalla legge, che fissa le settimane, superate le quali, un bambino acquisisce personalità giuridica come essere umano, primo fra tutti quello ad un’identità, dunque alla sepoltura. Un feto, un embrione, invece, non hanno alcun diritto perché non sono un essere umano. Mentre le donne che hanno deciso di abortire e quelle che hanno perso un bambino e quelle che hanno fatto un aborto terapeutico hanno diritto sì, loro, a ricominciare e a veder tutelata la loro identità e la loro privacy. E non ad essere trasformate in streghe.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Marilù Mastrogiovanni

Faccio la giornalista d'inchiesta investigativa e spero di non smettere mai. O di smettere in tempo http://www.marilumastrogiovanni.it/chi-sono-2/

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!