Expo 2015: presenti gli agricoltori di Puglia e Salento

Fabio Ingrosso, presidente Copagri-Lecce: “La politica ci aiuti a promuovere i nostri brand a Milano”

Copagri sarà presente all’Expo 2015 con un importante progetto agroalimentare all’interno della Piazza principale degli eventi: la Lake Arena. Il contratto con Padiglione Italia è stato sottoscritto nei giorni scorsi a Milano. Nel progetto che verrà presentato, l’agricoltura italiana si racconta, attraverso ogni sfera sensoriale, al fine di distinguere il prodotto italiano realizzato nell’ambito delle aziende agricole e delle strutture collegate. L’Expo è il trampolino di lancio per un nuovo Made in Italy, tutelato nella sua qualità a livello mondiale, per un economia più agricola in grado di garantire maggiori spazi per il lavoro e per l’occupazione, scrive in una nota Fabnio Ingrosso, presidente provinciale Copagri, che chiama a raccolta le Istituzioni e i rappresentanti politici affinché sostengano le aziende agricole nella promozione a Expo 2015 Expo 2015, per le aziende pugliesi e salentine, sarà infatti una vetrina importante: “Si aspettano 7 milioni di traders con i quali – dice Ingrosso – abbiamo il dovere di interloquire e dialogare, costruendo, già dal prossimo autunno, percorsi mirati come gli educational per far conoscere le nostre produzioni e farci trovare pronti all’evento degli eventi”. Ed ecco la proposta di copagri-Lecce: “Ottobre è il mese dell’olio, dice Ingrosso: perché non portare i traders nel Salento a conoscere le nostre aziende e far vedere tutti i processi di raccolta e trasformazione? Far conoscere la storia, la cultura, la tradizione, i sacrifici dei nostri agricoltori, il made in Italy: solo così possiamo far comprendere la differenza tra il nostro territorio e gli altri, le sue specificità, le sue peculiarità. Dobbiamo fare innamorare i buyers dei nostri prodotti per fare in modo che nel 2015 la Puglia e il Salento non siano illustri sconosciuti, bensì amici che si ri-incontrano perché si sono ri-conosciuti. Ma questo sforzo nel quale si devono investire energie e risorse non può pesare solo sulle organizzazioni e sulle aziende: la politica deve fare la sua parte, portando avanti il brand Italia, il brand Puglia, il brand Salento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!