Olio pugliese? Da Harrods, please

Londra. Da metà giugno l’olio d’oliva dell’etichetta Histoire d'O sarà venduto sugli scaffali dell’esclusivo store londinese

di Valentina Isernia LONDRA – L'olio pugliese? Si veste di lusso e vola a Londra. Gli scaffali “d'oro” dell'esclusivo store londinese Harrods accoglieranno, a partire dalla metà di giugno, l'olio d'oliva dell'etichetta Histoire d'O. Di francese, però, c'è solo il marchio. L'azienda agricola che si occuperà della produzione è quella di Patrick Guerrand Hermès, stilista francese tra i più ricchi al mondo e di sua moglie, che otto anni fa hanno acquistato un oliveto di cinque ettari nelle campagne di Spongano. La produzione limitata e la particolare raccolta e spremitura delle olive, rendono il prodotto un'eccellenza “dalle note speziate di erba fresca, carciofo e mandorla verde” – così recita l'etichetta. Racchiusi in un'elegante confezione in legno di frassino, i 500 ml di oro verde pugliese saranno disponibili nella lussuosa food hall del grande magazzino londinese in una bottiglietta più simile a un prezioso flacone di Chanel che alla tipica damigiana della tradizione. Il costo? 50 sterline, l'equivalente di poco più di 60 euro. L'azienda ha pensato anche ai più esigenti: solo su prenotazione ed in quantità limitata e numerata, è disponibile l'Olio Extravergine di Oliva Histoire d'O ® Gold, con oro alimentare 23 Kt. La denominazione “oro verde” non è mai stata più azzeccata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Valentina Isernia

Giornalista pubblicista, laurea in Industria Culturale e Comunicazione Digitale presso l’Università la Sapienza di Roma con specializzazione in Social Media. Analista di contenuti televisivi e di misurazione audience in real time. Social Media Manager, Social Engager, Community Manager, Storyteller

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!