Lactuga serriola, alternativa alla papagna

Un’usanza egizia riscontrata in Salento, per il sonnellino dei neonati

di Tania Pagliara Fino al dopo guerra, anche dopo in segreto modo, era usanza delle madri salentine preparare un sonnifero per i neonati con la lactuga serriola, in alternativa alla papagna, usanza riscontrata nell’antico Egitto. Da ‘erbe spontanee salentine’ di Rita Accogli e Piero Medagli apprendiamo due tra i nomi dialettali per noverare tale erba :’scalora’, termine usato in tutto il territorio salentino, ‘caruzzitula’ usato in alcune zone. Spesso quest’erba, conosciuta perché commestibile, viene noverata con nomi di altre piante: ’tutumaju’ che è la denominazione dialettale dell’erba euforbia, ‘zangune’ che è la denominazione del soncho.

Nelle interviste che ho eseguito nella zona di Campi Salentina è risultato che la lattuga serriola veniva chiamata anche babafaru. Tutto ciò mi ha fatto pensare ad un’antica classificazione contadina delle piante eduli in base alle loro proprietà ed al misticismo magico-religioso legato ad esse. Vi rilascio un’intervista significativa, perchè racchiude in se tutte le risposte ricevute in questo paese e perché si tratta della figlia di un’esperta di erbe eduli che ha assistito nella sua infanzia alle raccolte. -Quanti anni hai? -78 -Conosci questa pianta? -E’ babafaru -No, non è il papavero viola, è lattuga -Non è il papavero ma è babafaru, la conosco bene, quando ero piccola andavamo a raccoglierla nella zona del cimitero insieme al papavero. Anche da questa pianta si faceva la papagna, si raccoglievano i fiori e le foglie -I fiori? -Sì, i fiori, questa pianta ha i fiori piccoli, piccoli a cimetta. Si bollivano i fiori e qualche foglia. -Come facevate a raccogliere i fiori se sono piccolissimi? -Per fiori intendo tutta la ‘spica’, si spezzava la cimetta con i fiori. -L’estremità del gambo con i fiori? -Sì, si bollivano le ‘spiche’ con qualche foglia. -Un’ultima domanda, se la lattuga la chiamavate babafaru, il papavero come lo chiamavate? -Babafaru, tutte e due le piante si usavano per la stessa cosa. L’importanza di queste dichiarazioni sta nel fatto che risolve una contraddizione evidenziata dagli etnologi, da quel poco che ci era stato tramandato sulla lactuga serriola risultava che le nostre donne bollivano solo le foglie, cosa insolita visto che è il gambo più ricco di lattice.

Continuerò con le interviste in altri paesi, tenendovi aggiornati sulle nuove curiosità della nostra cultura contadina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!