Rimozione amianto. Il Comune anticipa i contributi provinciali

Parabita. L’incentivo alla rimozione spetta alla Provincia, ma la sua erogazione sarà bloccata fino a che Palazzo dei Celestini non avrà approvato il bilancio

PARABITA – Il Comune di Parabita anticiperà ai cittadini le somme necessarie per la rimozione dei manufatti in amianto. L’incentivo alla rimozione spetta alla Provincia di Lecce nell’ambito del “Progetto Rimozione Amianto”. Tuttavia, fino a che Palazzo dei Celestini non avrà approvato il proprio bilancio per l’anno in corso, del contributo finanziario non ci sarà traccia ed ai cittadini toccherà pagare, intanto, di tasca propria, ed aspettare i tempi della Provincia. Una condizione di disagio cui l’Amministrazione ha voluto porre rimedio. “Abbiamo ritenuto opportuno intervenire – spiega il sindaco Alfredo Cacciapaglia – nelle more dell’accreditamento delle somme relative al finanziamento, al fine di ridurre il disagio dei cittadini che hanno anticipato le somme per gli interventi, attraverso un’anticipazione di cassa dei relativi importi che saranno erogati successivamente dalla Provincia di Lecce. I ritardi e le lungaggini della pubblica amministrazione, non devono penalizzare i cittadini.” Grazie all’approvazione del progetto di rimozione amianto, il Comune di Parabita ha ottenuto dalla Provincia un finanziamento di 11.217,39 euro. Risorse utili, ma bloccate dai tempi dei Palazzi leccesi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment