Capone: ‘La sicurezza sul lavoro non è un optional’

Roma. Il deputato del Pd riflette sull’aumento degli infortuni sul lavoro in Puglia nell’ultimo anno ed invita la politica ad agire

ROMA – Gli infortuni sul lavoro, in Puglia, sono aumentati del 2,4% in un anno. Lo rivelano i dati Inail aggiornati al 31 marzo 2014. Sempre l’Inail riferisce che quasi un terzo degli episodi riguarda il settore dell’industria e servizi e che tra gli infortunati gli uomini sono circa il doppio delle donne. Su questi dati riflette Salvatore Capone, deputato del Pd, in seguito all’incidente mortale avvenuto, ieri, in un cantiere nella zona industriale di Lecce. “Le cause dell’incidente sul lavoro – dice Capone – saranno la magistratura oltre che le forze dell’ordine e i tecnici dello Spesal ad accertarle e a chiarirle. Ancora una volta, però, e drammaticamente, questa vicenda sottolinea con estrema forza il tema della sicurezza sul lavoro e nei cantieri”. Secondo capone i dati statistici riferiscono, tra le righe, di “imprese che risparmiamo sulla sicurezza e di lavoratori o lavoratrici che, pur di lavorare, chiudono tutti e due gli occhi, non reclamando o imponendo le misure obbligatorie per legge”. “E’ esattamente questa – aggiunge – la legge non scritta che, in nome delle tantissime vittime, e in nome della qualità del lavoro, siamo obbligati, come classe politica e come classe dirigente, a sconfiggere: la sicurezza nei luoghi di lavoro non è un costo ma un investimento, ed è compito di tutti rispettarla ed esigerla”. Articolo correlato: Precipita dall'impalcatura. Operaio muore sul colpo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment