Ex Massa, il sindaco incontra il Comitato

Lecce. Dopo due mesi di richieste stamattina in confronto. Perrone ha assicurato che valuterà le perplessità del cittadini sul progetto

LECCE – Lo chiedeva da mesi ma fino ad oggi non aveva mai ottenuto risposta. Finalmente una delegazione del Comitato di Tutela dell'area Ex Massa è stata ricevuta, stamattina, dal sindaco Paolo Perrone. Il Comitato ha ribadito le perplessità circa l'iter amministrativo dell'intervento in project financing relativo all’area. Nel procedimento, a parere del Comitato, sarebbero stati anticipati passaggi autorizzativi che avrebbero dovuto invece seguire e non precedere gli accertamenti in sede archeologica. Il Comitato ha sottolineato che gli scavi, grazie al fatto che il piano strada del '400 era inferiore a quello attuale, hanno evidenziato delle strutture che in alcune parti arrivano anche ad un metro di altezza che si presentano organiche, unitarie e perfettamente leggibili, oltre che in buono stato di conservazione. Ciò le rende dunque intoccabili ai sensi delle norme a tutela dei beni culturali. A tutt'oggi, inoltre, secondo il Comitato il progetto pubblicato negli atti d'ufficio e sotto forma di “rendering 3D” da parte della ditta attuatrice, non terrebbe conto delle preesistenze e delle condizioni poste dalla Soprintendenza nei pareri finora espressi. Il Comitato ha anche espresso le proprie perplessità in tema di inquinamento ambientale ed in tema geologico e in generale urbanistico che dovrebbero consigliare un ripensamento dell'opera ed ha consegnato al sindaco una petizione, già trasmessa anche al ministro per i Beni e le attività culturali Dario Franceschini, corredata da circa 1100 firme. Il sindaco ha ascoltato la relazione del Comitato e ha fatto sapere che valuterà tutti gli elementi emersi nel corso del colloquio, ascoltando anche gli altri soggetti coinvolti nella vicenda. Articoli correlati: Ex Massa, il Comitato scrive alla ditta Ex Massa, cittadini in presidio per tutelarla Ex Massa, Adoc: ‘Ridiscutere il progetto' Ex Massa. I parcheggi accanto ai capitelli romani

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment