Ciliegie danneggiate da maltempo. Cia: ‘Misure straordinarie’

Bari. Danni per diversi milioni di euro alle colture di Bat e Bari. Il presidente Cia Carrabba: ‘Sistema assicurativo sconveniente’

BARI – Il danno è di diversi milioni di euro. Ad averlo subito sono state le colture, in particolare di ciliegie, delle province della Bat e di Bari, a causa del maltempo delle scorse settimane. Ieri la Cia Puglia ha esaminato con i dirigenti comunali e i produttori gli effetti di piogge e grandinate, ed ha deciso di chiedere alla Regione Puglia ed al Governo nazionale di intervenire con provvedimenti eccezionali. Le province di Bari e Bat rappresentano più del 50% della produzione cerasicola nazionale. In Puglia si coltivano circa 20mila ettari di terreno a ciliegie. Il presidente di Cia Puglia Raffaele Carrabba denuncia però le “condizioni estremamente penalizzanti” del sistema assicurativo di protezione, “impostato – dice – esclusivamente sugli interessi delle compagnie assicurative”. Al Governo nazionale si chiedono misure straordinarie per sopperire alle carenze dei risarcimenti assicurativi e in particolare la perimetrazione immediata delle zone colpite dal maltempo; lo sgravio dei contributi Inps per l’assunzione della manodopera agricola e per i contributi previdenziali propri dei coltivatori diretti; di inserire negli aiuti accoppiati della nuova Pac per i primi due anni un aiuto speciale per le aziende cerasicole colpite, che tenga conto delle gravi perdite produttive (pari a circa 8-9 mila euro ad ettaro).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!