Delli Noci: ‘Fitto costruisca la casa dei moderati’

Lecce. L’assessore leccese si affida all’ex ministro per dare nuovo slancio al partito, coniugando i valori tradizionali con la spinta al rinnovamento

LECCE – Il segreto del Pd? Secondo Alessandro Delli Noci, assessore alle Politiche giovanili del Comune di Lecce è stato l’essersi affidato ad un giovane come Renzi, capace di risvegliare l’entusiasmo sopito. Ed allora, Delli Noci si rivolge a Raffaele Fitto, il secondo in tutta Italia per numero di consensi ottenuti. A lui chiede di costruire la grande casa dei moderati, dove possano trovare posto i valori storici del centrodestra ma anche le leve fondamentali di innovazione e cambiamento. “Non sono un indovino – dice l’assessore leccese -, ma avevo scritto giorni fa che la grande sfida del centrosinistra, che ha affidato un partito ad una persona giovane e capace di parlare ai giovani ma non solo, avrebbe portato di sicuro dei risultati importanti. Così è stato, e sono certo che in tanti la pensavano come me. Lo straordinario successo di Renzi è la prova lampante di quanto costruire nuovi percorsi politici, con nuovi schemi, volti e progetti, sia oggi necessario ed imprescindibile. Nonché vincente. A Raffaele Fitto, forte di un grandissimo risultato elettorale – continua Delli Noci -, rivolgo oggi le mie personali congratulazioni e affido la speranza, mia e di tanti altri, di costruire una nuova grande casa dei moderati, che unisca i valori storici del centrodestra con le parole innovazione, cambiamento, coraggio e sviluppo. La capacità di investire nei giovani e di costruire un progetto a lungo raggio che non guardi alle prossime scadenze elettorali è per me l'unica arma di successo. Il cambiamento che vogliamo deve passare inevitabilmente da qui”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment