Cisl, il primo sindacato in ‘Comdata’

Lecce. Con 334 preferenze la Fistel Cisl è risultata l’organizzazione sindacale più rappresentativa nell’azienda di call center

LECCE – La Fistel (Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni) Cisl di Lecce è il primo sindacato all’interno dell’azienda “Comdata” azienda italiana di Call center di Lecce. La Cisl ha ottenuto, infatti, un ottimo risultato alle elezioni per il rinnovo delle rappresentanze sindacali unitarie tenutesi nei giorni scorsi. “Comdata” è uno dei più strategici siti salentini che nel territorio occupa oltre 1000 dipendenti diretti e numerosi lavoratori in somministrazione per la maggior parte giovani e donne provenienti da tutta la provincia di Lecce. “Come Fistel Cisl – spiega Salvatore Castrignanò, segretario generale della categoria – siamo orgogliosi di aver ottenuto il maggior numero di voti, 334 preferenze, risultando quindi l’organizzazione sindacale più rappresentativa, con uno scarto di oltre 50 dalla lista di Slc Cgil e di 251 da quella della Uilcom Uil”. I quattro rappresentanti sindacali eletti sono: Francesco Barone (il più votato), Mirko Scorrano, Francesca Viceconte e Federica Pizzurro. “Si tratta – conclude Castrignanò – di un risultato frutto del grande impegno di questi tre anni fatto tra i colleghi ma anche del tanto lavoro di associazionismo e formazione dell’intera squadra Fistel di Lecce. Da notare, infine, che i quattro delegati Cisl eletti oltre a rispettare la parità di genere hanno una età complessiva inferiore a 120 anni, due fattori che fanno ben sperare per il futuro della Fistel Cisl di Lecce e del movimento sindacale in genere”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment