Scarti di demolizione abbandonati sul terreno. Due denunce

Surano. L’area, sottoposta a sequestro, era stata adibita a discarica abusiva di rifiuti speciali non pericolosi

SURANO – Guaine in gomma, materiale ferroso dismesso, vario materiale proveniente dall’attività di demolizione ed anche carcasse di autocarri. Il tutto, abbandonato in un’area, adibita abusivamente allo stoccaggio di rifiuti speciali non pericolosi. E’ ciò che hanno scoperto, ieri mattina, i carabinieri della Stazione di Nociglia, unitamente al personale del Comando Stazione del Corpo Forestale di Tricase nell’ambito di un controllo nei confronti di ditte di raccolta e stoccaggio dei materiali ferrosi. Il controllo, inizialmente, era risultato regolare dal punto di vista del carico e giacenza dei materiali ferrosi; ha avuto, tuttavia, uno spiacevole risvolto quando i militari, alle spalle dello stabilimento della ditta, hanno scovato un fondo agricolo adibito a discarica abusiva. L’area è stata sottoposta a sequestro penale. Deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Lecce O.C., pensionata 64enne di Specchia, proprietaria del fondo agricolo, e R.R., 59enne titolare della ditta di raccolta dei rottami ferrosi. Dovranno rispondere, in concorso, del reato di attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment