Mascarimirì campioni di vendite. In Giappone

La band salentina è prima nella classifica del sito giapponese di vendite on line El Sur Records

La tradinnovazione dei salentini Mascarimirì approda in Oriente. La band guidata da Claudio Cavallo Giagnotti è, infatti, prima nella classifica del prestigioso sito giapponese di vendita on line dedicato alla world music El Sur Records (www.elsurrecords.com) con “Tam!”, nuovo progetto discografico prodotto da Dilinò e promosso con il sostegno di Puglia Sounds Records. Il prestigioso riconoscimento internazionale arriva a pochi giorni dalla trasferta in Cina. Venerdì 30 maggio il gruppo salentino sarà a Pechino presso l'Ambasciata italiana per un concerto organizzato dall'Istituto di Cultura italiana della capitale cinese in occasione delle celebrazioni per la Festa della Repubblica Italiana. Lunedì 2 giugno la band farà poi ritorno in Italia per la Festa dei Popoli di Bari. Nuove date in Francia a giugno (7 a St Michele de Lanès, 8 a La Ciotat, 13 a Montluçon e 20 a Montreuil) prima dell'importante appuntamento di Parigi in occasione della Festa della musica che si celebra ogni anno il 21 giugno. Nati tra il 1997 e il 1998 come progetto di musica tradizionale salentina, i Mascarimirì sono oggi tra i gruppi più rappresentativi della scena world italiana. Guidati da Claudio Cavallo Giagnotti, musicista di origini Rom, negli anni hanno sperimentato innesti tra suoni tradizionali e sonorità dub sino ad arrivare al punk-dub tarantolato. Si sono esibiti in importanti festival e manifestazioni musicali tra i quali Womex, Fira de Manresa, La Notte della Taranta, Sziget Festival, Medimex, Total Festume e Womad. I Mascarimirì hanno collaborato, tra gli altri, con Joe Zawinul, Buena Vista Social Club, Les Negresses Vertes, Massilia Sound System, Mauro Pagani, Ludovico Einaudi e molti altri. Sul palco Claudio “Cavallo” Giagnotti (voce, fiati etnici, tamburreddhu, tamburi) è affiancato da Vito Giannone (voce, mandolino elettrico, tres), Alessio Amato (voce, programmazioni, syinth) e Dario Stefanizzi (fiati).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!