Il baratto per educare al riciclo

Lecce. Il nuovo progetto di Officina Creativa per insegnare ai più giovani il valore del rifiuto

LECCE – Educare i giovani a dare valore tangibile al rifiuto, di qualsiasi genere, in particolare recuperando i barattoli di latta con creatività e intelligenza. E’ il nuovo progetto della cooperativa sociale Officina Creativa (Made in Carcere) con il patrocinio del Comune di Lecce e finanziato dal programma “Orizzonti Solidali” promosso dalla fondazione Megamark. I lavori partiranno oggi alle ore 11, nella scuola elementare “Cesare Battisti” di Lecce, alla presenza dell’assessore alle Politiche Ambientali del Comune, Andrea Guido, dell’ideatrice del progetto, Luciana Delle Donne (fondatrice del marchio Made in Carcere), di Giovanna Bellio, referente per la città di Lecce della società AXA e di un rappresentante di Lecce2019. Il progetto verrà realizzato attraverso il trasferimento di alcuni principi fondamentali del commercio tramite, ad esempio, il baratto. Ciò stimolerà il ragionamento tra i bambini e quindi faciliterà la creazione di “abitudini” verso buone azioni, anche attraverso iniziative di scambio dei “rifiuti” con oggetti “cool” e di successo. Tutto ciò sarà effettuato mediante la condivisione in gruppo di buone prassi attraverso il gioco ed il divertimento, creando una competizione sana ed educativa. Il progetto sarà realizzato con alcuni interventi ed eventi a Lecce e Brindisi. Lo scopo è quello di incrementare la raccolta di barattoli di latta e plastica, mediante il baratto con altri oggetti, sempre costruiti con materiale di recupero e riciclato, come i prodotti Made in Carcere ottenuti dalle donazioni di tessuto di recupero delle imprese manifatturiere. Il programma durerà una settimana; le attività saranno caratterizzate da incontri, proiezioni audio-video, e workshop. Saranno presenti e guideranno i lavori alcuni esperti del settore tra cui Michele Dotti (blogger de Il Fatto Quotidiano) e Francesca Romana Barberini (giornalista Sky) che cercheranno di avvicinare i giovani studenti al tema del riciclo, per poi proseguire con giochi che punteranno alla sensibilizzazione verso questo argomento. I bambini saranno coinvolti attivamente sul territorio attraverso il gioco, in una sorta di “caccia al tesoro” – prevista per la giornata del 27 maggio – con sacchi pieni di rifiuti (barattoli) dislocati in alcuni punti d’interesse del centro storico della città che dovranno individuare mediante degli indovinelli. Sarà l’occasione, dunque, anche per visitare e conoscere i punti storico-culturali più belli della città. Il progetto si concluderà il 29 maggio nella Villa comunale con una iniziativa dedicata interamente all’attività di baratto: i bambini con l’ausilio dei carrelli della spesa messi a disposizione dal gruppo Megamark, porteranno presso la villa comunale – luogo di ritrovo prestabilito – i barattoli raccolti e riceveranno in cambio un oggetto “recuperato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment