Condomini Iacp Trepuzzi, senz’acqua e senza luce

Trepuzzi. La denuncia arriva da CasaPound su segnalazione degli stessi inquilini

TREPUZZI – Ancora disagi per gli inquilini delle case popolari di via Jacopone da Todi, a Trepuzzi. Lo scorso 9 aprile fu sospesa la fornitura dell'acqua a 17 famiglie di uno dei condomini; da ieri, invece, 22 abitazioni di un’altra palazzina sono senza luce, e, per via delle autoclavi spente, anche senz’acqua. La denuncia giunge dal responsabile locale di CasaPound Italia, Francesco Pezzuto, su segnalazione degli stessi inquilini. “Ancora una volta decine di famiglie, con bambini, anziani e disabili, si ritrovano senza alcun preavviso a dover rinunciare a bisogni primari – dichiara Pezzuto -. Sono stato informato della situazione da un'inquilina del condominio: una donna cardiopatica che abita al quinto piano e che, a causa del blocco dell'ascensore causato dal taglio della corrente elettrica, ha difficoltà a raggiungere la propria abitazione. Non conosciamo al momento le cause che hanno portato all'interruzione della fornitura; abbiamo provato a contattare sia l'amministratore, sia la coordinatrice di Iacp, ma i loro telefoni continuano a squillare a vuoto”. Ma l’attacco di Pezzuto è anche agli amministratori locali, “assenti ingiustificati”, “probabilmente troppo impegnati a raccattare voti per le elezioni europee per potersi occupare dei problemi dei loro concittadini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment