Erosione coste. Blasi: ‘Metodo sbagliato’

Bari. Il consigliere regionale Pd critica le azioni messe in campo per contrastare il fenomeno. “Non basta vietare la balneazione, serve rispetto per la natura”

BARI – Il problema dell’erosione costiera c’è, ma non si sta affrontando nel modo sbagliato. Ne è convinto il consigliere regionale del Pd Sergio Blasi, molto critico anche nei confronti della Regione Puglia. Blasi invita ad un confronto serrato e partecipato su un tema che negli ultimi giorni è tornato prepotentemente d’attualità, in seguito soprattutto alle nuove ordinanze della Capitaneria di porto che hanno inibito alla balneazione alcuni tratti di costa salentina, 50 km in tutto. Il consigliere fa riferimento ad un recente articolo dell’Huffington Post statunitense, nel quale la Puglia compare tra le terre “non ancora famose” da visitare. “È un riconoscimento – dice – che comunica il grande dono che non dobbiamo sciupare: vivere in un luogo meraviglioso, per storia, cultura e natura (l’articolo parla delle antiche masserie e della nostra cucina oltre che delle spiagge). Un luogo che prima di tutto merita rispetto. È stata la natura a donarcelo, con le sue spiagge e le sue scogliere. La stessa natura che invece in questi giorni abbiamo fatto salire sul banco degli imputati a causa dei mutamenti che si determinano sulle coste del Salento tramite la sua azione. Invece bisogna immediatamente far scendere la natura dal banco degli imputati”. “Per l’erosione costiera – continua Blasi – non esistono rimedi eterni o ‘messe in sicurezza’ che abbiano efficacia eterna. Non sarà il cemento, non saranno i ‘progetti’ grandi o piccoli, ad assicurarci che il mare non continuerà a fare il suo lavoro in collaborazione con il vento. Questo dato di fatto, incontrovertibile, spicca sulle diatribe politiche e sulle burocrazie in conflitto che incrociano i fioretti sul tema, effettivamente controverso, della necessità di sicurezza dei bagnanti e dei cittadini da un lato e della necessità di tutelare l’economia turistica dall’altro. Se il dato di fatto fosse assunto da tutti, in particolare da chi chiede a vario titolo grandi o piccole opere contro l’erosione costiera, si potrebbe ragionare concretamente sul da farsi e assumere un atteggiamento costruttivo sulla vicenda. Le ordinanze di divieto servono infatti solo a mettere in pace l’anima dei pubblici ufficiali in caso di incidenti. E le grandi opere di contrasto all’erosione sarebbero solo rimedi temporanei utili a spostare il problema qualche anno più in là. O qualche mese. Per non parlare del pericolo che queste opere rappresenterebbero per il paesaggio naturale, vera ricchezza di questo territorio”. Secondo Blasi sarebbe necessaria una revisione dei meccanismi che regolano la gestione della sicurezza sulle coste; la Regione Puglia dovrebbe potenziare le capacità di monitoraggio continuo dell’Autorità di bacino e allo stesso tempo condividere con i Comuni piani di fruizione delle coste che siano ecocompatibili e continuamente, assumendo ogni anno l’obiettivo di tutelare sicurezza e turismo, nel rispetto della natura”. “Così come si sta procedendo – conclude Blasi – si rischia invece di affidarsi alla costruzione di opere inutili e invasive o di fidarsi più delle carte che della realtà imponendo divieti anche dove i rischi non ci sono, o di lavarsene le mani, lasciando solo il turista, o il cittadino, di fronte al rischio delle sue passeggiate su scogli pericolanti. Se si smettesse di urlare e si uscisse ciascuno dalla propria trincea per un confronto interistituzionale improntato alla ragionevolezza, ne guadagnerebbe il territorio e la qualità del dibattito pubblico”. Articolo correlato: Salento a rischio crollo. Nuovi divieti di balneazione

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment