Scuola di Bollenti spiriti, fine della fase 2

Bari. On line la graduatoria completa con i punteggi dei partecipanti alle selezioni

BARI – Anche la fase della valutazione delle candidature è stata portata a termine e la Commissione ha approvato la graduatoria finale con l'elenco degli ammessi alla Scuola di Bollenti Spiriti. La graduatoria completa con i punteggi dei candidati che hanno preso parte ai colloqui è consultabile qui. Gli ammessi saranno contattati nei prossimi giorni dallo staff per maggiori dettagli sui termini della partecipazione. In caso di rinunce si procederà allo scorrimento della graduatoria. “La Scuola di Bollenti Spiriti” è un percorso di formazione intensiva per operatori di politiche giovanili (youth worker) organizzato da “Bollenti spiriti” ed Arti Puglia. La “classe” sarà composta da 30 persone tra i 18 ed i 35 anni residenti in Puglia. Nella Scuola, che si svolgerà a Taranto per otto settimane, nel periodo maggio-luglio 2014, verranno trattati i temi dello sviluppo locale, delle politiche giovanili, dell'imprenditoria sociale, della rigenerazione urbana e dell'animazione di comunità. 17 marzo 2014 Politiche giovanili. Bollenti spiriti fa scuola BARI – Residenza in Puglia ed età compresa tra i 18 e i 35 anni. E’ l’identikit del candidato ideale per prendere parte alla prima edizione de “La Scuola di Bollenti Spiriti“, un percorso di formazione intensiva per operatori di politiche giovanili (youth worker) organizzato da “Bollenti spiriti” ed Arti Puglia. La “classe” sarà composta da 30 persone. Nella Scuola, che si svolgerà a Taranto per otto settimane, nel periodo maggio-luglio 2014, verranno trattati i temi dello sviluppo locale, delle politiche giovanili, dell'imprenditoria sociale, della rigenerazione urbana e dell'animazione di comunità. “Con la scuola di Bollenti Spiriti vogliamo individuare almeno 30 giovani da riportare sul territorio regionale – spiega l'assessore alle Politiche Giovanili della Regione Puglia, Guglielmo Minervini -. Sarà il nostro modo di portare in Puglia l'esperienza degli ‘youth workers’ gli attivatori di comunità che lavorano senza rete sul territorio, per promuovere esperienze di innovazione sociale”. Ai partecipanti sarà garantito l'alloggio e verrà corrisposta un'indennità di partecipazione. Per partecipare è necessario presentare una domanda di candidatura secondo le modalità indicate nell'Avviso entro e non oltre le ore 16 del 7 aprile 2014.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!