Next a Lecce: il Cmcc spiega il mare

Lecce. Ore 20 al Paisiello per conoscere da vicino l’attività dell’Ocean Lab, il laboratorio di oceanografia che fa del Salento un centro di primo piano per lo studio del Mediterraneo

LECCE – Si chiama “Next – la Repubblica degli innovatori” ed è la carovana itinerante che va in giro per l’Italia in cerca delle menti che guardano oltre il domani e che mettono anima, corpo e, soprattutto, creatività e iniziativa sul tema del futuro che corre lungo i binari dell’innovazione. Oggi Next farà tappa a Lecce portando sul palco del Paisiello i migliori talenti del Salento che lavora nel futuro, con la mente proiettata oltre l’apparenza del mondo che è già sotto gli occhi di tutto e che si sforza di dar forma e consistenza alle opportunità da creare e realizzare, prima ancora che da cogliere come se fossero già pronte e mature. Tra i protagonisti dell’iniziativa del quotidiano nazionale e diretta da Riccardo Luna, ci sarà il CMCC (Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici) che presenterà il modo in cui il mare si fa laboratorio di innovazione, di scoperta e di ricerca attraverso le tecnologie e le simulazioni dei supercomputer. Un esempio di come la tecnologia e la ricerca di avanguardia si intrecciano per immaginare il futuro, raccontarlo attraverso lo studio del presente e lavorare per la protezione dell’ambiente, per la sicurezza delle attività che si svolgono a mare e per garantire uno sviluppo sostenibile dei sistemi socio-economici. Sul palco del Paisiello, a partire dalle ore 20, Giovanni Coppini – coordinatore dell’Ocean Lab, il laboratorio di oceanografia operativa che unisce a Lecce un gruppo internazionale di giovani innovatori e scienziati del mare – racconterà le sfide e i progetti del suo team di lavoro. Il mare e il lavoro dell’Ocean lab costituiscano infatti una piattaforma di innovazione che rende il Salento parte integrante di un network internazionale con i migliori centri di studio europei, con una speciale attenzione al Mediterraneo. L’attività del CMCC è stata molte volte approfondita da Planet Inspired, il blog di Finmeccanica sull’innovazione sostenibile. Eccone alcuni esempi: Clima e aree protette nel ‘Wwf-Cmcc' Oceani: il Nemo di Masina Clima, 195 Paesi lo osservano Castellari: “Una finestra sul futuro della Terra” Sisc, il clima in conferenza Clima: ecco il V Rapporto Ipcc per i decisori politici

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!