Amministrative. Dalle democratiche, ‘in bocca al lupo’ alle candidate

Bari. Vincenti sottolinea l’importante occasione per la Puglia alle prese con la doppia preferenza di genere

BARI – Le elezioni del 25 maggio potrebbero essere l’occasione giusta per la Puglia per mettere finalmente in pratica la doppia preferenza di genere. Un traguardo importante per la Conferenza delle democratiche pugliesi, che affidano alle parole della loro coordinatrice l’“in bocca al lupo” rivolto a tutte le candidate alle Amministrative 2014. “Con la legge 215 del 2012 (“Disposizioni per promuovere il riequilibrio delle rappresentanze di genere nei consigli e nelle giunte degli enti locali e nei consigli regionali”), si stabilisce la parità di accesso alle cariche elettive e agli organi esecutivi di Comuni, Province e Consigli regionali – ricorda Antonella Vincenti –. In pratica, gli elettori pugliesi hanno la facoltà di esprimere la doppia preferenza di genere, indicando accanto al nome del candidato anche quello della candidata, o viceversa. Un nuovo diritto, quello introdotto dalla legge del 2012, che stenta a trovare adeguata diffusione tra la cittadinanza: molti elettori ne ignorano ancora l’esistenza”. “Le democratiche pugliesi si stanno impegnando molto per far conoscere la bontà e l’utilità di questa legge all’interno della regione – aggiunge Vincenti – e sono convinte che sia lo strumento più adeguato per far sì che vengano elette sempre più donne all’interno delle istituzioni: la rappresentanza è anche fatta di numeri, oltre che di qualità, e siamo convinte che più donne alle cariche elettive rappresentino politiche più incisive in tutti i contesti. La visione di genere non deve più essere un’eventuale integrazione delle politiche in generale, ma deve costituire parte integrante di esse”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment