Xylella, ulivi abbattuti. Coldiretti: ‘Vigileremo’

Lecce. Il direttore ed il presidente di Coldiretti Lecce chiedono il massimo rigore negli interventi

LECCE – Cento ulivi abbattuti. Coldiretti Lecce stempera gli allarmismi ma chiede il massimo rigore, scientifico e tecnico, negli interventi sul territorio per fermare l'epidemia batterica, concertati dagli Uffici fitosanitari regionale e nazionale con l'Unione europea. “Siamo d'accordo con gli interventi ‘chirurgici’ per eradicare le piante ormai condannate a morte nei cinque focolai individuati da ricercatori e tecnici – osserva il direttore di Coldiretti Lecce, Giampiero Marotta – ma al contempo siamo pronti a vigilare affinché nessuna azione non necessaria venga intrapresa a danno di una risorsa straordinaria per il Salento come l'olivicoltura, con i suoi 11 milioni di piante”. “Siamo i primi a non voler distruggere il patrimonio olivicolo, ma non possiamo esimerci dal governarlo – incalza Marotta -. Laddove ci sono piante attaccate da fitopatologie, da funghi o batteri aggressivi, come nel caso di ‘Xylella fastidiosa’, devono essere governate, manutenute, come è da sempre buona prassi dell'agricoltore. Il coltivatore è il principale manutentore del paesaggio: è lui il primo a dover gestire le varie emergenze. Ed in questa di Xylella ci sembra naturale che cento piante ormai colpite a morte dal batterio e possibile causa di diffusione dell'epidemia vengano eradicate, così come è nella natura delle cose che ne vengano subito piantate di nuove, rispettando le cultivar originali. Non vogliamo assolutamente devastare il territorio, questo è lapalissiano. Il nostro obiettivo principale, il nostro impegno come Coldiretti è si quello di migliorare il paesaggio, ma principalmente quello di incrementare il reddito delle imprese”. “L'olivicoltura è una delle poche colture in controtendenza – aggiunge il presidente di Coldiretti Lecce, Pantaleo Piccinno -. Negli ultimi 10 anni nel Salento il patrimonio arboreo è cresciuto di oltre 5mila ettari. La superficie aumenta perché ci sono centinaia e centinaia di olivicoltori che credono e investono capitale proprio, rendendo un servizio ambientale enorme nei confronti della collettività e dei tanti turisti che apprezzano sempre più questo paesaggio unico e meraviglioso, connotato in modo peculiare dagli uliveti. Consci di questa ricchezza e unicità, chiediamo che l'approccio nella gestione dell'emergenza Xylella sia pragmatico e rigoroso, a tutela dell'immenso patrimonio sedimentato nei millenni. Auspichiamo che il monitoraggio prosegua e che sia quanto più puntuale possibile. Da parte nostra posso assicurare che continueremo ad investire nella crescita di questa coltura fondamentale. Di una cosa i salentini devono essere certi – conclude Piccinno – fino che ci saranno gli olivicoltori, l'olivicoltura salentina non potrà morire”. Articolo correlato: Xylella, cadono le prime teste. Di ulivi

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!