Volatili nostalgie

Un autore anonimo e due poeti col nome stampato sui libri cantano di gabbiani e rondinelle

Ah… se un gabbiano venisse a portarmi il cielo di Lisbona facendo un disegno nell'aria, questo cielo in cui lo sguardo è un’ala incapace di spiccare il volo, ci prova, ma si affloscia e cade in mare… I portoghesi, con quel loro peculiare uso dei congiuntivi, riescono a inanellare le ipotesi più irreali e nostalgiche; lo sapeva bene Tabucchi traduttore del “Marinaio” di Pessoa. Il testo di “Gaivota” (gabbiano) è del suo amico poeta Alexandre O’Neill e racconta le speranze di un nostalgico lontano, forse espatriato solo nell’anima. Forse per motivi politici, come quest’altro esule cui diede voce il poeta Manuel Alegre. Chiede al vento che passa notizie del proprio paese, ma il vento tace la disgrazia e a gli dice. Sono tutto sommato recenti queste canzoni che narrano un’Europa in cui l’esilio politico era una necessità tutt’altro che remota. Ripetono, quasi inconsciamente, echi lontanissimi di altri espatri, altri bisogni di andare e voglia di ritornare. Le stesse domande, seguite dalla stessa assenza di risposte, investivano la rondinella di un famoso canto griko. Chissà da dove vieni, forse sei passata anche dal mio paese. Avrei tante cose da chiederti, ma tu svolazzi, sfiori l’acqua e non rispondi. Qui arpeggiata dall’Arpeggiata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!